Il Torino Film Festival si farà. Una delle notizie più attese nel settore dello spettacolo che vede nel Festival torinese una delle sue rappresentazioni più importanti.

La 38esima edizione del Torino Film Festival si terrà dal 20 al 28 novembre, in forma strettamente online, e proporrà lungometraggi, cortometraggi e documentari per un totale di 133 opere da tutto il mondo. Dalla data di uscita i film rimarranno visibili sulla piattaforma Mymovies a pagamento per 48 ore e acquistabili con diverse tipologie di abbonamento. Mentre sul canale Youtube sarà possibile assistere ai masterclass e ai dibattiti.

La giuria internazionale interamente al femminile rappresenta una grande novità e un segnale importante del Festival verso alcuni obbiettivi prefissati, come l’inclusività e la riduzione della diseguaglianza. Ma come fatto notare dal direttore Stefano Francia di Celle, anche metà dei cineasti in concorso sono donne, dimostrando come il settore si stia sempre più spingendo verso la parità di genere.

Tra i film proposti notiamo “Regina” di Alessandro Grande, regista vincitore del David di Donatello per il miglior cortometraggio e unico film italiano nel concorso principale. Opera prima dell’autore, il film affronta un conflitto generazionale tra due figure, Regina e Luigi, unite da un rapporto simbiotico ma destinato a mutare.

Ovviamente l’inedita e necessaria formula online non deve rappresentare un limite, ma una nuova opportunità. Sia chiaro, questo non vuol dire che dal prossimo anno il Festival si terrà in questa modalità, ma probabilmente avrà una forma ibrida, capace così di coinvolgere non solo il pubblico presente alla manifestazione, ma anche gli interessati da casa, comodamente davanti al proprio pc.

Federico Depetris