Qualità, pluralismo e costi ridotti le tre priorità indicate da Giorgio Merlo Giovedì 12 luglio la Commissione parlamentare di Vigilanza RAI ha confermato, come nuovo presidente alla guida dell’Azienda, Anna Maria Tarantola, votata a maggioranza dal CDA della Rai il giorno precedente.
«Finalmente si è chiusa la lunga partita delle nomine – ha commentato Giorgio Merlo, parlamentare PD e Vice Presidente della Commissione Vigilanza Rai – Ora, al di là delle chiacchiere, sono tre le priorità decisive per il nuovo vertice aziendale. Contenere i costi, a cominciare dai contratti milionari; conservare il pluralismo e battere ogni forma di faziosità e, infine, garantire la “qualità” dei palinsesti. Saranno queste le sfide principali che metteranno alla prova il nuovo vertice. Il resto è solo gossip”.
Nata nel 1945 a Casalpusterlengo Anna Maria Tarantola ha conseguito la laurea in economia e commercio presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 1969 e ha proseguito gli studi presso la London School of Economics ottenendo un master.
È stata assunta alla Banca d’Italia nel 1971 nell’Ufficio Vigilanza della sede di Milano. Nel 1996 diviene Direttore della succursale di Varese e nel 1998 torna a Milano per dirigere la Direzione Intermedia di Vigilanza – Cambi. Successivamente lavora come dirigente a Brescia e Bologna. Nel 2006 diventa Funzionario Generale di Bankitalia, carica che ricopre fino al 2009, quando diventa vicedirettore generale.
Ha insegnato controlli pubblici nel settore creditizio presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore.