I stazione – Gesù nell’orto degli ulivi (Marco 14,32-36)

Poi giunsero in un podere detto Getsemani, ed egli disse ai suoi discepoli: «Sedete qui finché io abbia pregato». Gesù prese con sé Pietro, Giacomo, Giovanni e cominciò a essere spaventato e angosciato. E disse loro: «L’anima mia è oppressa da tristezza mortale; rimanete qui e vegliate». Andato un po’ più avanti, si gettò a terra; e pregava che, se fosse possibile, quell’ora passasse oltre da lui. Diceva: «Abbà, Padre! Ogni cosa ti è possibile; allontana da me questo calice! Però, non quello che io voglio, ma quello che tu vuoi»

 

Resto con te.

Anche e soprattutto

quando le cose

si mettono male.

Anche e soprattutto

quando l’anima si fa triste

fino alla morte.

Anche e soprattutto

quando perfino Tu

non trattieni le lacrime.

Anche e soprattutto

quando tutti

vorremmo fuggire.

Resto con te.

Anche e soprattutto

in quest’ora.

 

P.R. 

via crucis