Skip to Main Content

Chiesa  

Gesù fissò lo sguardo su di lui

Gesù fissò lo sguardo su di lui
Commento al Vangelo della II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B) 18 gennaio 2015
A cura di Luca Rubin

Gesù fissò lo sguardo su di lui (Gv 1,35-42)

 

pietro-e-gesuIl vangelo di oggi sembrerebbe un rebus da risolvere: molti verbi, molti atteggiamenti vengono ripetuti più volti, come anche molti titoli riservati al Signore.

Gesù sta camminando e Giovanni fissa lo sguardo su di Lui. Il guardare, ancor prima del parlare, costituisce l’inizio di una relazione: io guardo, e non solo vedo, chi mi sta dinnanzi, e in qualche modo lo riconosco. Infatti Giovanni subito lo definisce: «Ecco l’agnello di Dio!», titolo che richiama la vocazione stessa di Gesù: la salvezza attraverso la sua incarnazione. Conseguenza di questa definizione: due discepoli di Giovanni iniziano a seguire Gesù. Ma non perdiamo il filo: inizio di una relazione, definizione della persona, coinvolgimento di chi mi sta vicino (come ad esempio gli amici degli amici). Questi che iniziano a seguire gli chiedono: «Rabbì, dove dimori?» e sembrerebbe una domanda senza senso, ma se ci facciamo caso, molte volte quando ci presentiamo a una nuova persona, quasi sempre diciamo dove abitiamo, un modo geografico per dire chi siamo.

Ecco allora i due che chiedono a Gesù chi Lui sia: ti riconosciamo Maestro, ma dicci chi sei! E Gesù risponde: «Venite e vedrete» ecco di nuovo i due verbi: il camminare e la vista, due atteggiamenti essenziali per conoscere Gesù. Camminare: non stare fermi nelle nostre confuse convinzioni, ma mettersi in viaggio, andare anche all’avventura per cercare, scrutare, abbattere i confini, camminare insomma! E poi guardare: dopo aver tanto camminato, si può contemplare la meta, riconoscere in quel volto di uomo il volto stesso di Dio, e da quel guardare trarre forza per camminare ancora, questa volta con Lui, Verità trovata ma mai per sempre, in una novità così grande che occupa un’intera esistenza.

E ora un altro sguardo: quello di Gesù su Pietro, uno sguardo intenso, pieno di significato e di forza. E qui nasce una nuova relazione, che travolgerà tutta la vita di Simone, cioè di Pietro… sì perché questo sguardo gli ha addirittura cambiato nome, cambiato vita! E Pietro ha risposto a quello sguardo lasciando tutto per seguirlo, proprio come i due discepoli di Giovanni.

Camminare, guardare, incontrare, scommettere tutto noi stessi: ecco la sintesi di una vita. E allora prendiamo il coraggio di andare oltre, di guardare, di sostenere lo sguardo di Dio e pronunciare il nostro piccolo grande sì. Lui è con noi.

Buona domenica!

LASCIA UN COMMENTO  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *