«Ogni volta si sono creati dei momenti molto intensi, aiutati sicuramente dalla bellezza del paesaggio. Mi ha molto colpito ascoltare storie di persone che si sono trovate lì per caso e si sono fermate o di turisti che erano in villeggiatura da quelle parti e che sono venuti». Il vescovo Derio prende le mosse da questo ricordo per presentare le “Messe in valle” 2021. E prosegue: «Siamo alla terza edizione di questa proposta. Il primo anno le abbiamo fatte in quota. Lo scorso anno le ho celebrate in luoghi raggiungili da tutti e ho visto che c’è stata una grande partecipazione. Quest’anno propongo due mete raggiungili in auto e una terza con una camminata da “amanti della montagna”».

Si parte il 27 giugno a Pian dell’Alpe (ore 15); quindi il 18 luglio al Colle della Vaccera (ore15) e, infine, l’8 agosto al Lago Verde (ore 14).

«L’obiettivo dell’iniziativa è triplice – elenca il vescovo Derio -. Innanzi tutto dare la possibilità a chi si concede un giorno di vacanza di poter vivere un momento bello di celebrazione. Il secondo intento è quello di uscire dalle nostre chiese per provare a incarnare una chiesa in uscita, portando anche la celebrazione festiva là dove la gente vive e si ritrova. Il terzo obiettivo è quello di valorizzare le bellezze del creato. Fermarsi un’ora in silenzio e in preghiera aiuta sicuramente a guardare con altri occhi il meraviglioso paesaggio alpino che ci circonda».

Come nelle precedenti edizioni, un gruppo di volontari si occupa di organizzare la parte logistica e ci saranno dei cori che si avvicenderanno per cantare e animare la celebrazione.