«Stabilisco che la III Domenica del Tempo Ordinario sia dedicata alla celebrazione, riflessione e divulgazione della Parola di Dio. Questa “Domenica della Parola di Dio” verrà così a collocarsi in un momento opportuno di quel periodo dell’anno, quando siamo invitati a rafforzare i legami con gli ebrei e a pregare per l’unità dei cristiani. Non si tratta di una mera coincidenza temporale: celebrare la Domenica della Parola di Dio esprime una valenza ecumenica, perché la Sacra Scrittura indica a quanti si pongono in ascolto il cammino da perseguire per giungere a un’unità autentica e solida». Sono parole tratte dal motu proprio “Aaperuit illis”, con il quale lo scorso 30 settembre papa Francesco ha istituito questa particolare ricorrenza. L’obiettivo è anche quello di invitare a leggere e pregare di più le Scritture, e trasformare la conoscenza in vita.

Quest’anno la “Domenica della parola di Dio” sarà celebrata il 26 gennaio a conclusione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. In tale data il vescovo Derio predicherà in Cattedrale una lectio divina aperta a tutti.

Un’occasione per far crescere, come scrive Papa Francesco, «la religiosa e assidua familiarità con le Sacre Scritture, così come l’autore sacro insegnava già nei tempi antichi: «Questa parola è molto vicina a te, è nella tua bocca e nel tuo cuore, perché tu la metta in pratica».

In occasione di questa ricorrenza, domenica 26 gennaio alle ore 17 nel Duomo di Pinerolo il vescovo Derio terrà una Lectio divina sul vangelo della “pesca miracolosa” (Lc 51-11).