14 febbraio 2014

È un’espressione che i commentatori sportivi tirano fuori dal cilindro quando la nazionale di calcio subisce una sonora sconfitta. Ora non si tratta di sport ma del futuro politico, economico e sociale di questo nostro paese. Che le cose stiano andando a rotoli lo percepiscono tutti, anche i non addetti ai lavori.
La classe politica, vecchia e nuova, si è impantanata e non riesce più a venire fuori da se stessa.
C’è, però, anche un’altra Italia. È quella rappresentata dall’artigiano di Novara che trova 200.000 euro nell’armadio che sta riparando e, invece di intascare il malloppo – avrebbe potuto farlo impunemente – lo porta ai legittimi proprietari. Questa è una buona Italia. La domanda è: la vedremo mai in campo?

Patrizio Righero

bruttaitalia