27 aprile 2016

Ammontano in tutto a dodici fino ad ora le persone denunciate per truffa in rete ai danni di cittadini di Torino e provincia. Le truffe riguardano la merce più varia: dalle stufe, agli articoli vintage, alle autovetture ai telefoni cellulari, ai computer fino alle case in affitto… Fantasma.

E i truffatori provengono da tutta Italia, da  Milano, fino a Palermo. Anche l’età è abbastanza varia, occupando una fascia che va dai 23 ai 61 anni. Tra i tanti casi,  Christian D., 30 anni, abitante a Avellino, e Stefan N., 61 anni, abitante a Torino, hanno venduto un giradischi introvabile. Una volta intascata la caparra di 250 euro, sono spariti. A Chieri, il noto Stefan N., 61  anni, di Torino ha raggirato un 21enne di Torino affittandogli per 200 euro una casa fantasma a Courmayeur (AO). Altre denunce sono state effettuate a carico di Massimo D., 52 anni di Pescara, Paolo C., 52 anni di Napoli, Massimo C., 36 anni di Napoli, matteo S., 23 anni della provincia di Piacenza, ecc.

Per evitare le truffe basta seguire piccoli accorgimenti che sono gli stessi carabinieri a suggerire: controllare i feedback del venditore lasciati da precedenti acquirenti: più sono positivi meno si rischia di essere incorsi in un truffatore; se il prezzo del bene messo in vendita è troppo basso rispetto a quello di mercato potrebbe rivelare merce contraffatta o rubata. Una ulteriore tutela è offerta dalla provenienza italiana del venditore, poiché in caso di frode sarà più agevole per i carabinieri intervenire e identificare il colpevole.

Carabinieri - CENTRALE OPERATIVA PRONTO INTERVENTO 112