AGD – gennaio 2014

1. GENOCIDIO DEI POPOLI DELLA CINA
Nell’anno 1900, la rivolta dei “Boxer” causò oltre 30 mila morti, in gran parte cristiani. E sono almeno 48 milioni i cinesi caduti dal 1949 al 1975 sotto il regime di Mao, tra il “Grande salto in avanti”, le purghe, la rivoluzione culturale e i campi di lavoro forzato.
2. GENOCIDIO DEL POPOLO ARMENO
I ”Giovani Turchi” (ufficiali nazionalisti dell’Impero ottomano) ordinarono tra il 1915 e il 1923 vasti massacri contro la popolazione armena cristiana.
Le successive deportazioni di massa porteranno il numero delle vittime a un milione e mezzo circa.
3. GENOCIDIO DEI POPOLI DELLA RUSSIA
Non meno di 20 milioni i cittadini sovietici eliminati durante gli anni del terrore comunista di Stalin (1924/1953). Esecuzioni di controrivoluzionari e di prigionieri, vittime del gulag o della fame.
4. “SHOÀ” DEL POPOLO EBRAICO
Con l’avvento del nazismo di Hitler in Germania (1933/1945) viene avviato lo sterminio del popolo ebraico in Europa; le vittime di questo immane Olocausto sono calcolate in oltre 6 milioni di persone, la gran parte di loro morta nei campi di sterminio.
5. GENOCIDIO DEI POPOLI DELL’INDONESIA E DI TIMOR EST
Nel periodo 1965/67, quasi un milione di comunisti indonesiani sono stati deliberatamente eliminati dalle forze governative indonesiane, mentre tra il 1974 e il 1999 sono stati eliminate da gruppi paramilitari filo-indonesiani 250 mila persone della popolazione di Timor-Est.
6. GENOCIDIO DEL POPOLO CAMBOGIANO
Un milione di cambogiani sono morti in soli quattro anni, tra il 1975 e il 1979, sotto il regime di terrore instaurato dai Khmer rossi di Pol Pot.
7. GENOCIDIO DEL POPOLO SUDANESE
Si stima che un milione e novecentomila cristiani e animisti, siano morti negli ultimi decenni, a causa del blocco imposto dal governo di Khartum agli aiuti umanitari destinati al Sud Sudan.

8. GENOCIDIO DEI POPOLI DEL RWANDA E DEL BURUNDI
Dal 1994 ad oggi, 800 mila civili rwandesi sono stati massacrati nel conflitto scoppiato tra hutu e tutsi; un’analoga cifra è stimata per difetto per le vittime del vicino Burundi.
9. GENOCIDIO DEI POPOLI DELL’AMERICA LATINA
Dalla Rivoluzione messicana, ai “desaparecidos” delle dittature militari della seconda metà del XX secolo, sono oltre un milione le vittime innocenti della violenza di Stato dei regimi sudamericani. Nell’Amazzonia brasiliana si calcola che quasi 800 mila indios sono morti in un secolo, per le angherie e i soprusi subiti.

10. GENOCIDIO DEL POPOLO IRACHENO
L’ONU ha stimato oltre un milione di vittime, tra cui seicentomila bambini, sono gli iracheni morti a causa della guerra, e il disastro umanitario non accenna a diminuire.

A tutt’oggi non si hanno cifre sicure sulle vittime dei genocidi e delle “pulizie etniche” compiute nella ex-Yugoslavia, in Liberia, Sierra Leone, Angola, Congo, Corea del Nord, Skri Lanka, Tibet… e l’elenco purtroppo si allunga ogni anno di più!

Mario Bandera

PENTAX Image