Skip to Main Content

Attualità  

Fim-Cisl: "Whirlpool rispetti gli accordi con Indesit"

Fim-Cisl:
20 maggio 2015

«La nuova proprietà, la Whirlpool, deve farsi carico della parte degli accordi presi con Indesit per quanto riguarda la reindustrializzazione dell’area di None».

È quanto dichiarano Claudio Chiarle, Segretario dei Metalmeccanici CISL di Torino e Cristina Maccari, Operatrice FIM-CISL di Pinerolo, in merito alla questione Whirlpool, di cui tanto si parla in questi giorni.

«Abbiamo progetti avanzati di aziende che vogliono insediarsi sull’area assorbendo occupazione dell’ex Indesit – continuano–  ma Whirlpool non rispetta gli impegni presi, oltre a non realizzare nulla, si mette persino in pericolo il futuro delle aziende pronte a insediarsi».

«Inoltre occorre che l’Amministrazione e gli Enti Locali si impegnino ad agevolare, dal punto di vista burocratico e gestionale, tutti i processi e le autorizzazioni utili e necessarie a realizzare la reindustrializzazione del sito».

Il 21 maggio, alle 17, a None è in programma un Consiglio Comunale aperto agli ex Indesit, e la Fim chiede a Whirlpool e a tutti gli attori sociali di rilanciare una proposta di reindustrializzazione dell’area.

«Occorre continuano i sindacalisti  mettere in campo un azione comune verso aziende e imprenditori, presenti sul territorio di None e limitrofo, affinché si verifichi l’interesse e la disponibilità a riutilizzare l’area ex Indesit magari razionalizzando insediamenti produttivi già esistenti con l’impegno di riassorbire i lavoratori Indesit».

indesit none

LASCIA UN COMMENTO  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *