Al termine del suo incarico come vescovo di Pinerolo, monsignor Pier Giorgio Debernardi ha fatto una scelta di vita forte. Si è trasferito in Burkina Faso per condividere un pezzo di strada con il popolo burkinabé, che aveva imparato ad amare durante diversi soggiorni in Africa. Oltre a seguire come guida spirituale i ragazzi di un campus universitario (Shalom) nella capitale Ouagadougou, Debernardi continua le sue campagne di raccolta fondi (già iniziate a Pinerolo) volte alla realizzazione di pozzi d’acqua nei villaggi del Sahel, una delle regioni più aride del Continente africano.

A questo scopo è nata l’associazione Acqua nel Sahel Onlus e l’omonimo gruppo facebook (clicca qui) che riporta periodicamente articoli e racconti di Debernardi sulla vita in Burkina. Il vescovo emerito, di fatto, è diventato un testimone e un corrispondente in prima linea delle vicende – di volta in volta tragiche o illuminate dalla fede e dalla gioia – che avvengono in questo paese dell’Africa sub sahariana.