Mercoledì 18 luglio oltre cento persone hanno partecipato all’uscita di “Montagneterapia” in quel di Prali.

L’iniziativa, che rientra nel calendario degli appuntamenti organizzati dal Gruppo Montagna CST-CAI, ha visto l’adesione di 14 gruppi organizzati (tra cui il CAI Val Germanasca) e 102 partecipanti. La camminata ha portato dalla borgata Ribba a Bout du Col per poi proseguire sino al pianoro che porta al vallone della Gran Guglia.

Ad arricchire l’escursione è intervenuta Susy Pascal che ha raccontato la storia delle miniere di talco e spiegato l’attuale organizzazione produttiva. Anche la musica di Beppe Pavan alla fisarmonica e Marco Rovara al semitun ha rallegrato la compagnia.

La “montagnaterapia” non è tanto una cura, ma piuttosto un’esperienza di vivere la montagna in modo inclusivo. La collaborazione tra volontari del CAI e operatori del CST di Perosa permette a molti ragazzi con disabilità fisiche o psichiche di fruire dei benefici della montagna.

Il gruppo di partecipanti all’escursione della “montagnaterapia” a Prali