La fiera dell’aglio diventa sagra di solidarietà per le vittime del terremoto. A Pinasca – ma per i locali sarebbe meglio dire Dubbione – il terzo lunedì di novembre è per tradizione più che secolare il giorno dedicato alla fiera autunnale, la fiera dell’aglio. Quest’anno gli organizzatori dell’amministrazione comunale hanno dedicato al gustoso bulbo addirittura un triduo: “La sagra dell’aglio”. Il primo giorno sabato 19 novembre nei ristoranti pinaschesi sarà possibile gustare la “cena dell’aglio” con menù basati su questo alimento; dopo cena, a partire dalle 21 nel salone polivalente si esibirà il gruppo musicale Dissonanza, inoltre per quanti, assetati dopo l’abbuffata di aglio, desiderassero spegnere la sete sarà disponibile la birra artigianale del birrificio Beba e della Brasseria Alpina. Domenica 20 il programma spazia dal mercatino delle pulci che invaderà fin dal mattino Via Caduti alla giornata del ringraziamento,  in Piazza I.M.I. dalle 15:30, in cui verranno benedetti animali da compagnia, trattori e prodotti agricoli; dalle 17 avverrà il conferimento delle sinora mai assegnate civiche benemerenze e, a seguire, la premiazione del concorso Pinasca Fiorita. A coronare la giornata alle 19:30 nel salone polivalente sarà la Bagna Cauda della solidarietà: tutta la “Sagra dell’aglio” servirà infatti a raccogliere fondi per il comune terremotato di Montefortino in provincia di Fermo nelle Marche. Chi volesse prenotarsi potrà farlo entro giovedì 17 al numero 347.27.75.689 (chiamare tra le 16 e le 21).L’indomani la fiera autunnale non mancherà anche quest’anno di essere impreziosita da un’ampia rassegna zootecnica e dalla tradizionale “panissa” cucinata dagli amici di Albano Vercellese. Ulteriori notizie e aggiornamenti sull’intera sagra si potranno trovare sul sito del comune di Pinasca o su facebook (gruppo pubblico Pinasca Manifestazioni Eventi Spettacoli).

GUIDO ROSTAGNO

fera-aglio