Mercoledì 8 agosto, sono stati ricordati in borgata Roccia-Linsard i tre partigiani uccisi dai nazifascisti proprio in questa data del 1944, durante un rastrellamento, lungo il sentiero che porta a Conca Cialancia. I tre caduti appartenevano alla 5° Divisione Alpina G.L. “Sergio Toja”. I loro nomi sono Pietro Ciagliè (18 anni) nato a Bibiana il 22 aprile 1926, residente a Pinerolo di professione falegname; Stefano Giacalone di anni 18, nato a Palermo il 3 aprile 1926, operaio residente a Pinerolo; Luigi Giai diciannovenne, nato a Porte il 29 maggio 1925 dove viveva, svolgendo il lavoro di meccanico.

Tra i presenti alla commemorazione il sindaco di Perrero, Riccardo Leger, la presidente dell’Unione dei Comuni, Laura Zoggia, l’assessore di Porte, Daniele Pilati, Don Pasqualino Canal Brunet, il presidente dell’ANPI di Perosa Argentina e Valli, Giorgio Bonis e una rappresentanza degli alpini e di cittadini, oltre ai familiari di Pietro Ciagliè.