Da qualche anno nelle valli l’estate diventa un’occasione per abbinare natura e cultura.

Sotto i paesaggi montani di Prali, Fenestrelle e Pragelato, da una parte Pralibro, ormai una tradizione, e dall’altra le due fiere del libro offrono agli amanti della lettura appuntamenti con gli autori.

Saliranno al tempio di Prali, tra gli altri, Guido Quarzo con “Il pestifero e il professore” (9 agosto alle 16:30), Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte per raccontare “La verità sul processo Andreotti” (10 agosto alle 21), mentre Gianni Oliva chiuderà la rassegna con “Il caso Moro” sabato 25 alle 18. Il programma completo è consultabile su www.pralibro.it

La palestra comunale di Pragelato accoglie martedì 7 agosto (16:30) Margherita Oggero e nei giorni a seguire autori come Tiziano Fratus e Pino Pace (vedi: fieralibropragelato.wordpress.com).

Sul sito del Forte, sono elencate le iniziative della fiera di Fenestrelle tra cui spiccano – oltre agli incontri con Mario Reviglio e i suoi libri storici (chiesa del Forte il 7 agosto alle 16) e il 12 agosto alle 16 con Giorgio Merlo e “Cattolici senza partito?” – alcune proposte teatrali di Assemblea Teatro.

E a completare un’offerta già tanto ricca, si aggiunge quest’estate anche “PràCatinat BM Hotel”. Dalla collaborazione con “LarEditore”, privilegiando gli autori locali, “Leggendo sopra le nuvole” ha proposto domenica 5 agosto Gian Vittorio Avondo che agli amanti di storia e di camminate ha raccontato il suo “Le Valli Chisone e Germanasca – Escursioni tra storia e natura”. Sabato 11 agosto alle 20:45 protagonista sarà Sergio Beronzo con “Dahu – Racconti” (dall’11 al 18 ci sarà una mostra di tavole a olio e a grafite dello stesso Beronzo). Domenica 25 agosto, sempre a Pra’ Catinat, chiuderà la rassegna Valter Bruno con “Sestriere. Com’era”, compiendo un salto nel passato con immagini e le cartoline d’epoca della collezione Aurelio Toye

E sempre in ambito culturale, anche se non strettamente librario, l’albergo di Pra’ Catinat ospiterà Patrizio Torta martedì 14 agosto alle 20:45 (“Sala Agnelli”) nella serata “I Guatemala, le culture, i colori, le stoffe, i silenzi” e sabato 18 agosto (stessa sala e stesso orario) nella conferenza “Il ‘900 prima dell’elettronica, per sapere da dove veniamo e dove potremo continuare ad andare”.

G.R.