Che sarebbe stata una partita difficile era prevedibile, lo era un po’ meno il risultato finale, l’1-6 con cui il Renon ha espugnato il Cotta Morandini nella prima giornata dell’Elite.A. Un risultato ineccepibile per quanto visto sul ghiaccio, forse con un punteggio un po’ troppo severo per i biancorossi (questa sera in giallo-nero, la maglia dei festeggiamenti dell’ottantesimo compleanno della Valpe).

Le cause? Molteplici, individuate da Mike Flanagan a fine partita: «Giocavamo contro una squadra di livello – ha esordito il coach canadese in conferenza stampa -, una delle favorite in questo campionato. Un Renon che è già in forma mentre noi ci alleniamo solo da due settimane».

Per la Valpe, almeno sulla carta, sarà difficile ripetere una stagione come l’ultima: «La squadra è stata costruita in base al nuovo regolamento, che ci ha impedito di tenere giocatori che lo scorso anno sono stati decisivi ed è stato in bilico fino all’ultimo, rallentando il mercato e, di conseguenza, la preparazione».

Sempre in tema di regolamento, Flanagan ha espresso le sue perplessità sui contenuti, oltre che sulle tempistiche: «Non mi è mai successo di assistere ad un cambiamento così radicale da un anno all’altro, e non capisco il perché continuano a cambiare le carte in tavola su stranieri, Coppa Italia, playoff, ecc. Non voglio aprire un caso, ma è ridicolo pensare che giocatori che giocano nella nazionale italiana non vengano considerati italiani».

Tornando alla partita con il Renon, non tutto è da buttare: «Abbiamo commesso tanti errori – ha concluso Flanagan -, ma ho anche visto qualcosa di buono. La condizione atletica conta molto nel nostro tipo di gioco fatto di possesso del disco e pressing alto».

Il prossimo incontro della Valpe sarà giovedì 26, a Brunico contro il Val Pusteria.

IMG_2591

VALPELLICE-RENON 1-6: REN 15’55” Johansson (Nelson, Guentzel); REN 18’12” Siddal (Johansson, Nelson); VAL 31’03” Barney (Ihnacak, Tomko); 32’50” REN Johansson (Nelson, Siddal); REN 36’51” Ansoldi (Daccordo, Tudin); REN 37’27” Daccordo (Ansoldi); REN 46’23” Guentzel (Johansson, Nelson)