6 agosto 2015

Ricorrono quest’anno i 50 anni della manifestazione baudenaschese per la quale si impegnano da molte generazioni volontari e residenti locali, tra i quali, in primis la società sport “Santiano Dante”. Dall’8 al 12 agosto, Baudenasca rivive una vera e propria festa che coinvolgerà ogni sera il pubblico della frazione di Pinerolo, ma anche molte famiglie provenienti dal circondario pinerolese.

L’appuntamento annuale da anni riunisce amici, conoscenti e molti sportivi con la sete di vincere la gara delle bocce quadre. Una vera e propria sfida sulle battute di “lancio” e “misura” a piedi uniti.Nel periodo più distensivo dell’anno i baudenaschesi, e non solo, trovano un’accoglienza particolare in occasione della festa: assado e salsiccia a volontà, agnolotti e numerosi antipasti e, per non mancare alla tradizione, mercoledì sera tradizionale cena piemontese: bollito misto e cotechino con rigoroso “bagnet verde e rosso”.

Cinque giorni di intense manifestazioni, gare, musica che fanno della festa di “Baude” una delle più conosciute e apprezzate del circondario. Una pasta-party è prevista lunedì e martedì per tutti i concorrenti delle “bocce quadre”, un cubo di legno con lati di circa 10 cm. Il gioco fu importato negli anni sessanta da Ferruccio Borgogno e scoperto in uno dei tanti raduni montani, organizzati dalla Coltivatori Diretti.

Come nella più sana tradizione agricola della frazione, domenica 9 agosto non mancheranno il raduno dei trattori d’epoca e il tipico pranzo campagnolo. Il pomeriggio di domenica sarà all’insegna della gioventù con i giochi per ragazzi a cura delle animatrici parrocchiali, con merenda finale per tutti. Non mancheranno le tradizionali gare a bocce rotonde e, per completare l’evento, “la spasegiada lung’ l Chisun” – classica corsa podistica non competitiva, lungo il Chisone e i boschi del Galoppaoio. Info e prenotazioni 338.70.13.022 335.75.16.450

Amalia Pagliaro

baudenasca (3)