7 ottobre 2014

Baudenasca, Macello e Stella festeggiano i 25 anni di ordinazione del loro parroco

Come tante api operaie, i componenti delle comunità affidate a don Paolo Bertin si sono prodigati mettendo in comune i loro talenti per preparare una festa solenne, gioiosa ed armoniosa.
Nella bella domenica del 21 settembre, giornata della Festa delle Famiglie della diocesi pinerolese, la chiesa di Macello ha accolto le tre comunità unite come una sola famiglia, nella messa presieduta da monsignor Pier Giorgio Debernardi. Il vescovo di Pinerolo ha invitato a mettere insieme la somma dei doni di ciascuno per riuscire a trasmettere la felicità del Vangelo ed essere luce che illumina e sale che dà sapore alla vita. A conclusione della celebrazione eucaristica il vescovo, traendo lo spunto dalle parole di san Francesco di Sales “L’ape trae il miele dai fiori senza sciuparli, lasciandoli intatti e freschi come li ha trovati”, ha sottolineato la preziosità della distribuzione del Corpo di Cristo, un’azione definita con una metafora pari alla dolcezza del miele. In questo delicato e profondo pensiero è stato manifestato un riconoscimento alla passione di don Paolo per l’apicoltura.
La partecipazione attiva dei giovani dei due oratori ed i canti, eseguiti insieme per l’occasione, dai due cori di Baudenasca e Macello hanno contribuito a trasmettere entusiasmo per lodare e ringraziare il Signore. La festa è proseguita con un pranzo in semplicità e serena armonia nella cascina “Ai Carlot” di Macello.

Rita Badariotti – Lucy Pagani

DSC_5087_copia