7 luglio 2016

Ieri, il personale del Nas carabinieri di Torino ha dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso dal.g.i.p. del tribunale di Torino, nei confronti di 4 indagati per i reati di esercizio abusivo della professione sanitaria di infermiere in concorso per prestazioni erogate in favore di anziani parzialmente autosufficienti e non, ospitati in tre diverse strutture abitative mai autorizzate a tale scopo.

L’intera gestione dei 3 presidi socio assistenziali abusivi di cui 2 siti in Avigliana (17 anziani) ed uno (6 anziani), in Buttigliera Alta, era in capo ad una organizzatrice donna priva di qualsiasi titolo abilitante, ma legale rappresentante di una ditta individuale avente ad oggetto prestazioni di servizi di assistenza a domicilio o presso strutture autorizzate, nonché titolare di un negozio di rivendita di bomboniere ubicato al piano terra dell’immobile sito in Avigliana deputato all’accoglimento degli anziani.

Le tre strutture abitative per civile abitazione, erano state formalmente cedute in locazione dai rispettivi proprietari con contratti multipli intestati direttamente agli anziani non autosufficienti il cui canone di locazione mensile veniva corrisposto direttamente all’organizzatrice unitamente alle somme relative al servizio di assistenza da ella erogato con personale generico e privo di qualsiasi titolo.

Dei 24 anziani rinvenuti nelle rispettive case di riposo abusive, 2 sono stati trasferiti presso strutture ospedaliere pubbliche per gravi patologie neuromotorie e deficit ortopedici, incompatibili con l’assistenza erogata dall’organizzatrice. I rimanenti ospiti, previa valutazione clinica geriatrica del personale medico dell’aslto3, sono stati riallocati in idonee strutture ricettive autorizzate del territorio limitrofo ed altri hanno fatto rientro al domicilio con il consenso dei rispettivi familiari.

Fra gli ospiti presenti nelle case di riposo abusive di Avigliana, 5 di loro erano già stati oggetto di allontanamento dalla stessa residenza nell’agosto 2015 a seguito di analoga attività ispettiva sempre a carico della stessa organizzatrice.

Casa-riposo-abusiva-Val-Susa