8 ottobre 2013

A Saluzzo,  al Foro Boario, c’è una tendopoli ribattezzata “Guantanamo”, ormai diventata un vero e proprio villaggio dove circa 400 braccianti immigrati provenienti dall’Africa vivono in condizioni precarie  e al freddo. Tra le associazioni che si sono mosse per rendere meno duro il soggiorno di questi lavoratori agricoli c’è l’AnLib di Pinerolo che, dopo una prima raccolta di materiale, lancia una seconda colletta. «Servono giacche a vento e giacconi impermeabili da uomo – spiega la Presidente Carla Pazé – e anche scarpe in buono stato di taglia tra il 44 e il 46. In attesa di trovare per questi uomini una sistemazione più adeguata, almeno cerchiamo di fornire loro abiti adatti ad affrontare i primi freddi».

Sarà possibile consegnare gli indumenti presso Casa  Betania (Via Principi d’Acaja n. 86, Pinerolo), nei giorni venerdì 11 e sabato 12 ottobre, dalle ore 9 alle 18.

Per info: info.anlib@gmail.com

Guantanamo Saluzzo