È intervenuto anche il vescovo di Pinerolo, mons. Debernardi Lunedì 31 gennaio è stata una giornata di festa per la scuola paritaria Maria Ausiliatrice di Giaveno. Proprio nel giorno della festa liturgica di Don Bosco, la preside Daniela Mesiti ha organizzato un incontro invitando esponenti ecclesiali, politici e del mondo della scuola. Sono intervenuti, tra gli altri, monsignor Pier Giorgio Debernardi vescovo di Pinerolo, il sindaco di Giaveno Daniela Ruffino, l’onorevole Valentina Aprea, presidente della Commissione cultura, l’onorevole Osvaldo Napoli, deputato alla Camera e sindaco di Valgioie, il dottor Francesco de Sanctis, direttore generale dell’ufficio scolastico regionale del Piemonte, suor Annamaria Cia, presidente del Ciofs scuola e membro del Consiglio ispettoriale piemontese e Roberto Gontero, presidente dell’Agess. Obiettivo dell’incontro la presentazione-inaugurazione della nuova scommessa educativa della scuola: l’adozione in ogni classe di lavagne multimediali.
Le autorità sono intervenute sottolineando la necessità di una scuola che punti sempre più all’eccellenza, per poter essere significativi nel mondo che cambia. La scommessa della scuola sta nell’intervento educativo supportato dalle nuove tecnologie che devono essere viste come una risorsa enorme. L’onorevole Aprea è intervenuta difendendo l’operato del Governo che “ha saputo porre in atto tagli inevitabili ma sempre accompagnati da riforme per lo sviluppo della scuola. Si tratta non più di sapere, saper fare e saper essere, ma di andare oltre a tutto questo. Proiettarsi nel futuro sapendo cavalcare le nuove tecnologie in un mondo sempre più velocizzato”.
Il vescovo di Pinerolo, di recente rientrato dal Burkina Faso, ha richiamato l’immagine di scuole dove non ci sono nemmeno i banchi. Ha poi rivolto un accorato appello perché venga riconosciuto il sostegno del Governo alle scuole paritarie che rischiano di chiudere per mancanza di risorse o, peggio, di diventare scuole di elitè per chi se le può permettere. Il suo intervento è stato seguito da un fragoroso applauso.
La mattinata si è conclusa con la presentazione reale di una lavagna multimediale che permette di ottenere migliore attenzione e coinvolgimento dagli allievi “nativi digitali”.

Ives Coassolo. Mons. Debernardi sui banchi di scuola