Il 9 settembre torna la manifestazione dedicata all’arte bianca Pane, bontà e… Giavenesità. Saranno questi gli ingredienti della consueta manifestazione settembrina intitolata “Giaveno Città del Buon Pane”, che si svolgerà domenica 9 settembre prossimo, dalle ore 10 alle 18.30, lungo buona parte delle piazze e delle vie del centro della città.
Una manifestazione organizzata dal Comune che ha sempre riscosso grande successo di pubblico e di critica in tutta la provincia e oltre. Anche quest’anno, i visitatori potranno deliziare gli occhi e i palati con vere e proprie opere d’arte uscite dalle mani, e dai forni, dei sapienti panificatori artigiani giavenesi, tutti riuniti per l’occasione in piazza Mautino, che sarà trasformata in un enorme laboratorio per la panificazione, con una parte occupata dai forni e dagli altri “arnesi” del mestiere e un’altra dedicata alla vendita al minuto dei prodotti tipici locali, come la famosa focaccia di Giaveno, i vari dolcetti, le insuperabili paste di meliga, i grissini e, naturalmente lui, Sua Maestà il Pane: pane fragrante, buono, da mangiare sul posto e da portare a casa. E con il pane i grissini, croccanti, lunghi, di grande tradizione e fama piemontese, più tutto il dolce e il salato.
Il “popolo bianco” giavenese esprime una tradizione artigianale famigliare fatta di passione, cura, dedizione a preparare e a vendere del buon pane, mettendo insieme passato e presente, per un lavoro che richiede tempo e che nel tempo produce quello che è l’alimento principe della tavola, tanto o poco che sia.
In piazza Molines, inoltre, sarà possibile assistere alla trebbiatura del grano, effettuata “come una volta”, con macchinari d’epoca, accompagnati da numerosi trattori, ancora perfettamente funzionanti, che ripercorreranno idealmente le diverse età del motore a scoppio. L’iniziativa è del Gruppo di Volontari della Borgata San Giovanni di Trana organizzati dall’Associazione Albedo onlus di Giaveno che realizzerà la dimostrazione della trebbiatura del grano secondo le modalità di lavoro di un tempo e con l’impiego di macchinari e attrezzi d’epoca. Spighe e chicchi di grano governano nell’occasione la piazza, negli anni i visitatori hanno raccolto come souvenir della manifestazione mazzi di spighe.
Saranno presenti anche i tradizionali banchetti che esporranno le loro eccellenze artigiane, agroalimentari e non, e gli artisti con le loro creazioni. Un occasione di mercato dove acquistare formaggi, miele, frutta, ortaggi e tanto altro e perché no anche un quadro, un olio, un acquerello opera di artisti del territorio.
Per conoscere da vicino le macchine, i movimenti legati al funzionamento di un mulino e apprendere della storia e attualità del mestiere di mugnaio, da non perdere è la visita all’antico Mulino della Bernardina di Borgata Buffa della famiglia Ughetto, alimentato ad acqua ed ancora perfettamente funzionante. La famiglia discendente di mugnai sarà lieta di accogliere il pubblico dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30. Oltre alla visita la Famiglia Ughetto assicura il racconto sulla storia del mulino e sulle antiche varietà di mais oggi reintrodotte. Il Mulino sito in via Vittorio Emanuele II, n. 260 è raggiungibile in auto e in bicicletta, un servizio navetta gratuito sarà attivo a partire dall’Ufficio Turistico Comunale.
Nella stessa giornata sarà visitabile in piazza Colombatti 14 (a lato del Municipio) il Museo Geologico Sperimentale della Sezione giavenese del CAI dove sarà possibile anche osservare campioni mineralogici e paleontologici al microscopio. Una sezione del Museo espone una parte della interessante collezione geologica appartenuta al naturalista piemontese Carlo Allioni (1728 – 1804), recentemente ritrovata e restaurata. Informazioni cell. 348.2316268 – vpane_mgs@caigiaveno.com – info@caigiaveno.com – www.caigiaveno.com. Questo museo insieme ad altri luoghi di Giaveno e della Val Sangone, fra i quali il Giardino Botanico Rea a San Bernardino di Trana, fanno parte del progetto di valorizzazione e promozione del Piano culturale – turistico di vasta area denominato Cammini di Libertà fra Arte e Cultura. Il Museo sarà aperto domenica 9 settembre dalle ore 9.30 alle 12 e dalle 14 alle 17.

Come vuole una tradizione ormai consolidatasi negli anni, anche nel 2012 è stato scelto un artista locale che ha dipinto appositamente l’immagine da impiegare per i manifesti e le cartoline della manifestazione. Si tratta di Sabino Gentile, pittore di origini pugliesi ma giavenese d’adozione, che con la sua opera raffigurante i principali monumenti di Giaveno circondati da campi di grano e dai “gioielli” del forno (pane, grissini, paste di meliga…), ha saputo coglier l’autentico spirito che da anni anima l’iniziativa “Giaveno Città del Buon Pane”.
Ospiti della manifestazione i francesi di Saint Jean de Maurienne, località legata a Giaveno d’amicizia e in ragione della Fête du Pain che la cittadina festeggia ad agosto.
Fra gli appuntamenti nuovi che arricchiscono la manifestazione degna di nota è anche la mostra “Dalla Storia alla Satira. Cronache ed eventi in caricatura da Cavour ad Andreotti”, voluta e promossa dal Consiglio Regionale del Piemonte e messa a disposizione della Città di Giaveno. L’esposizione ricca di una ventina di pannelli riproducenti chine, carboncini, acquerelli, vignette di satira, che tracciano la storia politica e sociale del nostro paese dal Conte Camillo Benso di Cavour a Giulio Andreotti, sarà visitabile presso la sala espositiva del Comune di via XX settembre giovedì 6 e venerdì 7 settembre dalle 16 alle 18.30, sabato 8 settembre nel pomeriggio, la mostra sarà esposta in piazza San Lorenzo (zona del Gran Caffè Roma) con presentazione alle ore 17. Domenica 9 settembre “Dalla Storia alla Satira. Cronache ed eventi in caricatura da Cavour ad Andreotti”, sarà nuovamente visitabile presso la sala espositiva del Comune di via XX settembre dalle ore 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30 ad ingresso libero.
Domenica 9 settembre dalle 10 alle 18.30 nella centralissima Chiesa dei Batù l’artista giavenese Luigi Stoisa esporrà le tavole dei disegni che illustrano il libro “Reginella e il sorcetto dalla coda che puzza” di Giovanni Tesio, libro che verrà presentato alle ore 11.
Novità assoluta dell’edizione 2012 di “Giaveno Città del Buon Pane” sarà l’iniziativa intitolata “Mordi & Fuggi”, una bella passeggiata in bicicletta, organizzata dalla Scott Val Sangone Mountain Bike. In allegato la locandina di dettaglio dell’iniziativa.
Nella stessa giornata di domenica 9 settembre all’Aquila di Giaveno si svolgerà “Aquila 2012, fra le stelle”, musica, ballo, auto e scooter elettrici e molto altro a cura di Seven Live Tv.
Alla manifestazione Giaveno Città del Buon Pane partecipano e collaborano associazioni, organismi di volontariato ed operatori del territorio.
La manifestazione organizzata dalla Città di Giaveno ha ricevuto il patrocinio della Regione Piemonte, del Consiglio Regionale del Piemonte, della Provincia di Torino, della Comunità Montana Valli Susa e Sangone, del Museo del Gusto di Frossasco, di Cammini di Libertà fra Arte e Cultura.

Informazioni: Ufficio Turistico Comunale, piazza San Lorenzo 34, tel. 011.9374053 – infoturismo@giaveno.it – www.giaveno.it.