Nell’autunno scorso la scuola primaria “Nino Costa” di Pinerolo chiuse i battenti per «condizioni non soddisfacenti della situazione statica». Gli alunni vennero trasferiti alla “Cesare Battisti” con la promessa di una sistemazione più adeguata nei locali dell’ex sede universitaria del SUMI. Nel frattempo è anche cambiata l’amministrazione. La coalizione di centrosinistra capitanata da Eugenio Buttiero ha lasciato, suo malgrado, il testimone ai 5Stelle di Luca Salvai che ora si trovano in mano la patata bollente della Nino Costa. La nuova amministrazione, in un comunicato firmato dall’assessore all’Istruzione Antonella Clapier e da quello ai Lavori Pubblici Ermanno Cerrano, nonché dal sindaco, spiegano che «ad oggi nessun lavoro strutturale è stato appaltato in quanto i fondi stanziati sono stati resi disponibili con Delibera di Giunta in data 11/07/2016. Dalla documentazione fornita dai dirigenti comunali, unitamente ai sopralluoghi effettuati, sono emerse, inoltre, problematiche che hanno richiesto ulteriori e urgenti approfondimenti tecnici; siamo in attesa delle ultime relazioni che ci permetteranno di individuare le soluzioni più opportune».

Quindi, a settembre, dove andranno a scuola i ragazzi della Nino Costa? Non certamente al SUMI «ma si riproporrà la sistemazione scolastica individuata nell’a.s. 2015/16 presso la scuola Cesare Battisti.
Nei primi giorni di settembre verrà convocata una riunione aperta alle famiglie durante la quale si farà il punto della situazione per affrontare al meglio l’inizio del nuovo anno scolastico».

 

 

La scuola primaria Nino Costa di Pinerolo

La scuola primaria “Nino Costa” di Pinerolo