18 dicembre 2015

Ieri pomeriggio, in concomitanza con il consueto e lieto appuntamento della recita natalizia, presso l’Istituto Maria Immacolata, la classe 4B della scuola primaria ha presentato il libro digitale dedicato alla basilica di San Maurizio. L’iniziativa è parte di  “Terre di confine, Terre di incontro”, un progetto didattico di apprendimento e di avvicinamento ai beni culturali rivolto alle scuole primarie di primo e secondo grado, che prosegue nella sua seconda edizione e vede protagonisti oltre cento bambini appartenenti alle diocesi di Torino, Susa, Ivrea, Pinerolo e Aosta.

Il percorso si inserisce all’interno del più ampio progetto Città e Cattedrali, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e della Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici, un piano di valorizzazione dei luoghi di storia e arte sacra aperti e fruibili, organizzati in itinerari di visita tematici e culturali, praticabili anche attraverso la rete, grazie al portale www.cittaecattedrali.it

I gruppi, coordinati dagli Uffici Beni Culturali diocesani, operatori didattici, esperti di arte, illustrazione e animazione, insegnanti e catechiste stanno dedicando la propria attenzione all’approfondimento ed alla valorizzazione di una chiesa o del museo diocesano del territorio, riletti attraverso un tema comune: l’essere terre di confine ai margini della regione, ma anche luogo di incontro e di mediazione.

Le vicende del santuario della Consolata di Torino, del Seminario di Ivrea, della Basilica di San Maurizio di Pinerolo, della Collegiata di Sant’Orso di Aosta e del Museo Diocesano di Susa prenderanno nuova vita attraverso i racconti fantastici e avventurosi scritti dai ragazzi e saranno presentate al territorio tramite una serie di eventi dedicati.

Per info e approfondimenti sul progetto: www.cittaecattedrali.it

 

Foto di Lino Gandolfo.