25 maggio 2016

Il Giro d’Italia arriva a Pinerolo.

L’arrivo della 18ª tappa, Muggiò-Pinerolo, porterà la festa rosa in città, ma anche sensibili modifiche alla viabilità. Riportiamo di seguito tutte le informazioni più importanti per non arrivare impreparati all’appuntamento.

Giro-Pinerolo-foto-Gigliola-Foschiano

Il Giro d’Italia a Pinerolo nel 2009 (foto Gigliolo Foschiano)

 

Strade chiuse e divieti di sosta

Pinerolo

Dalle ore 19 del giorno 25 maggio alle ore 18 del 27 maggio (salvo ulteriori modifiche), è istituito il divieto di sosta con rimozione forzata dei veicoli nelle seguenti strade (ambo i lati) e piazze: piazza Cavour e via Lequio (strada ed area di sosta interna), piazza Vittorio Veneto, (tutta la Piazza e controviali lato Teatro Sociale e lato ex caserma Fenulli), piazza III Alpini, corso Torino (tratto da Piazza III Alpini a Corso Bosio) e viale Giolitti (compresa area di sosta tra la rotonda del Cavallo e via Bertacchi), piazza Europa e viale Grande Torino (con termine del divieto alle ore 23 del 26 maggio).

  • Dalle ore 5 alle ore 23 (salvo modifiche) divieto di transito e di sosta con rimozione forzata dei veicoli in: piazza Cavour (tutta la piazza) e via Lequio (strada ed area di sosta interna), piazza Vittorio Veneto, (tutta la piazza e controviali lato Teatro Sociale e lato ex caserma Fenulli), piazza III Alpini, piazza Europa e viale Grande Torino, corso Torino (tratto da piazza III Alpini a corso Bosio) e viale Giolitti (compresa area di sosta tra la rotonda del Cavallo e via Bertacchi), Corso Bosio (tratto da via Giolitti a corso Torino), via Trieste, piazza Tegas, via Brignone, via Marro.
  • Dalle ore 07 alle ore 20 divieto di sosta con rimozione forzata dei veicoli in: via Brigata Cagliari (area di sosta situata tra la via stessa e Viale XVII Febbraio 1848). In tale area sarà consentita esclusivamente la sosta dei veicoli a servizio del personale del civico ospedale di Pinerolo; via Alliaudi, via Martiri del XXI, piazza Garibaldi, via Lequio, piazza Santa Croce (con esclusione dell’area fronteggiante la Caserma dei Carabinieri e sosta consentita esclusivamente ai veicoli in uso alla locale Stazione Carabinieri), via Principi d’Acaja, viale Gabotto, via Tosel (compresa tutta l’area di sosta), via Nazionale (da inizio territorio di competenza a via Giustetto), via Giustetto (carreggiata), Stradale Fenestrelle, via Cittadella, via Savorgnan d’Osoppo, via Rossi, via Cambiano, viale Cavalieri d’Italia (tratto da via Cambiano a piazza Garibaldi).
  • Dalle ore 14 alle ore 18 divieto di transito dei veicoli in: viale della Porporata, via Martiri del XXI, piazza Garibaldi, via Lequio, piazza Santa Croce (con esclusione dell’area fronteggiante la Caserma dei carabinieri), via Trento, via Principi d’Acaja, piazzale San Maurizio, viale Gabotto, via Tosel, via San Pietro val Lemina (tratto da Viale Tosel fino al confine del territorio).
  • Dalle ore 15 alle ore 18 divieto di transito dei veicoli in: via Nazionale (da inizio territorio di competenza a via Giustetto), via Giustetto, Stradale Fenestrelle, via De Amicis, via Cittadella (tratto da Via De Amicis a Viale Savorgnan d’Osoppo), via Savorgnan d’Osoppo, via Rossi, via Cambiano, viale Cavalieri d’Italia (tratto da Via Cambiano a Piazza Garibaldi).

Villar Perosa

  • Il 25 maggio a partire dalle ore 19 la via Prà Martino, dall’incrocio con la strada per Bta. Ciardossini sarà interdetta alla circolazione ed alla sosta. I residenti dovranno presentare un documento di identità al personale incaricato di far rispettare l’ordinanza.
  • Il 26 maggio dalle ore 14:30 fino a fine corsa (intorno alle 18 salvo modifiche), saranno totalmente chiuse al traffico tutte le strade private e tutti gli accessi carrabili, oltre che le strade e le località comunali interessate dal passaggio dei corridori: Prà Martino, via Prà Martino, frazione Caserme, via del Castello, via IV Novembre, p.zza della Libertà, via A. Bianciotto, parte di via Alfieri, via nazionale da incrocio con la via Alfieri a rotonda di San Germano Chisone.

Porte

  • Il 26 maggio dalle ore 15 alle ore 18 divieto di transito su tutto il percorso di via Nazionale. Dalle ore 13 alle ore 18 divieto di sosta sulla via Nazionale dal numero civico 46 al 122.

Roletto

  • Il 26 maggio dalle 14 alle 17 circa chiuse via Frossasco, piazza Tessore via Roma giù fino al bivio della Prealpina. Salvo modifiche dovrebbero girare a destra verso Pinerolo (zona Porporata).

Frossasco

  • Il 26 maggio dalle 14 alle 17 circa rimarranno chiuse al transito via Torino, via Roletto, via Amedeo. Divieto di sosta in via Principe Amedeo nel tratto compreso tra via De Vitis e via Vecchio campanile dalle ore 8 alle ore 18.

 

Le caratteristiche della 18ª tappa Muggiò-Pinerolo (244 km)

È una tappa dal finale difficile, dopo i primi 170 km pianeggianti attraverso la pianura Padana nord-occidentale da Milano fino a Torino. La partenza è in programma alle 11:10 dal Parco di Villa Casati a Muggiò, in una terra particolarmente legata al ciclismo qual è la Brianza, da cui i corridori partiranno verso Milano con i passaggi da Bollate e Rho.

Da lì svolta verso Magenta, e poi via alla volta di Novara, Vercelli, Chivasso e Torino (un assaggio di Giro per il capoluogo piemontese che ospiterà l’ultima tap-pa il 22 maggio). La prima difficoltà della giornata è rappresentata dalla Colletta di Cumiana: per gli uomini di classifica non sarà un problema, ma i velocisti potrebbero iniziare a sentire la fatica.

Dopo la discesa, inizia il trasferimento a Pinerolo, passando per Frossasco, fino in zona Porporata. Giunti a Pinerolo, la corsa entrerà nel vivo: sono previsti diversi passaggi in città. Il gruppo passerà una prima volta sul traguardo per affrontare il Muro di via Principi d’Acaja (450 m al 14% con punte del 20%, su pavé e carreggiata stretta) e, dopo una discesa dal versante del cimitero, tirerà dritto verso San Pietro Val Lemina.

Qui i corridori imboccheranno l’impegnativa salita di Pramartino (4.6 km con una pendenza media del 10.4%) e dopo una discesa molto impegnativa ritorneranno a Pinerolo per gli ultimi 3 km passando per la Val Chisone. Ai 2500 metri dall’arrivo si svolta a sinistra e si sale nuovamente per via Principi d’Acaja, per scendere in via Savorgan, davanti alla Co-operativa Quadrifoglio di Elvio Chiatellino, il “super sponsor” di questa due giorni rosa a Pinerolo.

Gli ultimi 1500 metri sono interamente pianeggianti, con diverse curve: si passerà in viale Cavalieri d’Italia (riasfaltato per l’occasione), poi svolta a destra alla stazione per la volata finale in corso Torino.

L’arrivo è posto all’altezza di piazza Cavour, al termine di un rettilineo largo 8 metri e lungo 350 metri su fondo asfaltato. La tappa non dovrebbe portare particolati distacchi in classifica, ma il finale è spettacolare.

Il video di presentazione della tappa con Jacopo Mosca