“Lascio la parrocchia solo per motivi di salute” Ai fedeli di Abbadia Alpina, sabato 22 ottobre, al termine della messa, è stata consegnata una lettera firmata dal parroco uscente don Valter Bonetto. Una scelta la sua dettata dall’esigenza di fare chiarezza sugli equivoci nati in seguito ad un’intervista rilasciata dallo stesso don Bonetto al settimanale l’Eco del Chisone. Riportiamo di seguito il testo della lettera che – si spera – porrà fine alla spiacevole polemica.

Carissimi Parrocchiani di Abbadia,
domenica prossima lascerò la parrocchia di Abbadia per assumere la guida delle parrocchie di Perosa e Pomaretto.
Non è stata né per me né per il vescovo una decisione facile, anzi devo dire molto sofferta, perché in mezzo a voi ho trovato tanto affetto e molta collaborazione nel lavoro pastorale.
La rinuncia della parrocchia di Abbadia è determinata esclusivamente da un contesto relativo a problemi di salute che richiedono una maggiore tranquillità e distensione e non mi permettono di portare il peso della complessa gestione delle strutture della chiesa, dell’ex asilo e della casa parrocchiale, che versano in grave situazione di degrado, con lo stress psicofisico che ne consegue.
È stato solo questo il motivo che ha indotto il vescovo a propormi altri ministeri pastorali meno pesanti e più confacenti al mio stato di salute. I medici stessi da cui sono in cura hanno insistito perché si giungesse a questa decisione.
Ho sempre cercato di mettere le mie energie a servizio di tutta la comunità, aiutandovi a fare della preghiera il respiro della vostra vita e curando con particolare amore la liturgia.
Mi è stata di incoraggiamento la generosa dedizione del compianto don Francesco Granero che voi ed io continuiamo a ricordare con particolare affetto.
Vi saluto assicurandovi che vi porterò sempre nel cuore e vi accompagnerò con la mia preghiera.
Continuate ad essere una comunità che vive il comandamento dell’amore – pienezza della legge di Gesù – cercando di essere tra di voi un cuore solo e un’anima sola.
Un cordiale ed affettuoso saluto a tutti.

22 ottobre 2011

don Valter Bonetto Don Valter Bonetto