Sabato 1 e domenica 2 ottobre il centro storico della città di Pinerolo ospiterà la manifestazione “La Maschera di Ferro”, giunta alla sua 18ma edizione. Qui di seguito, riportiamo il programma dettagliato delle varie iniziative.

Sabato 1 ottobre alle ore 16 in via Diaz (presso il Tempio Valdese) “Partenza del Bando”: per le strade e le spianate del centro storico I Tamburini di Pignerol, diretti da Bruno Bonino, accompagneranno i Banditori della Cittadella Anna Formento e Valter Ferrero, che enunceranno il programma della manifestazione storica. Alle 16:30 presso il centro commerciale Le Due Valli, saranno presenti  il Gruppo Storico “Fera Sancti” di San Marino, il Gruppo Storico “Reggimento Savoia”, sbandieratori e musici di San Damiano del Palio d’Asti. Dalle 21 alle 24 “La notte delle streghe”: ritrovo gruppi partecipanti in piazza Santa Croce, partenza per via Trento; presenti I Tamburini di Pignerol, sbandieratori e musici di San Damiano del Palio d’Asti; esibizioni all’angolo di via Principi d’Acaja, quindi salita in via Principi d’Acaja sino al pozzo ed esibizioni lungo il percorso; ritorno in piazza San Donato scendendo dalla Scala Santa verso via Assietta (a turno esibizione in piazza San Donato); preceduto dal Gruppo Storico Militare Reggimento Savoia dell’Associazione “Les Armes de Savoje” e dal presentatore Stefano Abburà, il “Gruppo della Nobiltà Francese” s’avvia verso piazza San Donato. Qui è in programma l’esibizione dei seguenti gruppi: Gruppo Coreografico Pinerolese, “Le danze del ‘600” a cura del gruppo Nobili della Maschera di Ferro, “Le melodie del ‘600” a cura di Rosy Zavaglia, presentazione del “Gruppo della Nobiltà Francese”, il Gruppo Storico Fera Sancti di San Marino in un torneo di  combattimenti col fuoco,  sbandieratori e musici di San Damiano del Palio d’Asti, I Tamburini di Pignerol. A seguire, il passaggio dei cortei. In via Principi d’Acaja si troveranno: La Compagnia del Corvo, il Gruppo Storico Militare Reggimento Savoia dell’Associazione “Les Armes de Savoje”, il Gruppo dei Popolani di Pignerol, giochi storici e antichi mestieri, l’accampamento dei Moschettieri, “I cantastorie del ‘600” a cura dell’Allegra Compagnia Mr Brown di Fabio Scudellaro, gruppi di passaggio ed esibizione de I Tamburini di Pignerol, sbandieratori e musici di San Damiano del Palio d’Asti, al numero civico 12 Le dame di corte nel salotto di Madame de La Vallière; sul piazzale della chiesa di San’Agostino il Gruppo Storico Fera Sancti di San Marino; in piazzale D’Andrade il Gruppo Storico Antiche Tradizioni Popolari di Bibiana; sulla spianata presso l’Istituto delle Suore di San Giuseppe: “Processo alle streghe” a cura del Piccolo Varietà, esibizione dei gruppi itineranti; al pozzo: Fabio Comba “ël ciarlatan dël ‘600”, Lord of the Birds;  passaggio cortei; nei pressi del pozzo: cella della Maschera di Ferro e cambio della guardia.

 

Domenica 2 ottobre in piazza San Donato annullo filatelico dalle 10 alle 12:30 e dalle 15 alle 18; alle 10 nella chiesa Cattedrale celebrazione eucaristica solenne alla presenza dei figuranti in costume. Nel pomeriggio alle 15 grande rievocazione storica “I Moschettieri sulle spianate di Pignerol”. Dal palco, sito in piazza Vittorio Veneto al cospetto di D’Artagnan, esibizione del seguenti gruppi (poi tutti per le strade e spianate del centro storico): I Tamburini di Pignerol diretti da Bruno Bonino seguiti dal Gruppo Storico dei Popolani di Gap; tamburini, musici e sbandieratori di Borgo Tanaro del Palio d’Asti; il Gruppo Storico di Revello “Giovanni De Reges”; preceduti dal Gruppo Storico Militare Reggimento Savoia dell’Associazione “Les Armes de Savoje” e  dal presentatore Stefano Abburà il Gruppo della Nobiltà Francese s’avvia verso piazza San Donato; partenza cortei dei gruppi ospiti: Antico Borgo di San Donato di Frossasco; Gruppo Storico “Conte Occelli” di Nichelino. In piazza Facta: esibizione del Gruppo “palestra Sportica” di Pinerolo e giochi storici. In piazza San Donato: mostra fotografica delle edizioni passate de “La Maschera di Ferro” ed esibizioni di: Gruppo Coreografico Pinerolese diretto da Roberta Bozzalla; “Le melodie del ‘600” a cura di Rosy Zavaglia; presentazione del “Gruppo della Nobiltà Francese”; il Gruppo Storico Fera Sancti di San Marino; tamburini, musici e sbandieratori di Borgo Tanaro del Palio d’Asti; I Tamburini di Pignerol; passaggio corteo finale. In via Principi d’Acaja: il Gruppo Storico di Revello “Giovanni De Reges”; La Compagnia del Corvo; gruppi di passaggio ed esibizione di: sbandieratori e musici del Palio d’Asti, I Tamburini di Pignerol; presentazione del “Gruppo della Nobiltà Francese”; al numero civico 12 le dame di corte nel salotto di Madame de La Vallière e  la danza del ventre Warda. Sul piazzale della chiesa di Sant’Agostino: il Gruppo Storico Fera Sancti di San Marino; il Gruppo Storico Militare Reggimento Savoia dell’Associazione “Les Armes de Savoje”. Ai Bastioni di via Principi D’Acaja: gruppo dei Popolani di Pignerol, giochi storici e antichi mestieri, accampamento dei Moschettieri, “I cantastorie del ‘600” a cura dell’Allegra Compagnia Mr Brown di Fabio Scudellaro. In piazzale D’Andrade: il Gruppo Storico “Antiche Tradizioni Popolari” di Bibiana. Sulla spianata presso l’Istituto delle Suore di San Giuseppe: esibizione dei gruppi itineranti. Al pozzo:  Fabio Comba “ël ciarlatan dël ‘600”, Lord of the Birds, passaggio cortei. Nei pressi del pozzo: cella della Maschera di Ferro e cambio della guardia. Alle ore 17:45 da piazza Santa Croce, partenza corteo storico con centinaia di personaggi in costume per via Trento, piazza San Donato, via Savoia, via del Pino, via Duomo, via Savoia,  piazza Facta, piazza Vittorio Veneto. Alle 18 in piazza Vittorio Veneto: in attesa dell’arrivo del corteo e del personaggio misterioso, esibizione di: tamburini, musici e sbandieratori di Borgo Tanaro del Palio d’Asti, Gruppo Storico Fera Sancti di San Marino. Alle 18:30 sul palco in piazza Vittorio Veneto sarà svelato il nome del personaggio misterioso che ha impersonato la “Maschera di Ferro 2016.

Regia e il motore di tutta la manifestazione l’instancabile Luigi Oddoero.

maschera