Aquino

Anthony Aquino, grande protagonista della vittoria sul Bolzano

Dopo la strepitosa due giorni di Torino, che ha regalato ai tifosi biancorossi il primo trofeo della storia, la Valpe ha vissuto un periodo di appannamento perdendo le prime 3 partite del Master Round (7-2 a Bolzano, 4-7 a Torre contro il Val Pusteria e 2-1 ad Alleghe) e la possibilità di agguantare il terzo posto. Gli uomini di Flanagan sono tornati a fare bottino pieno nell’incontro disputato sabato 26 gennaio contro il Renon, trascinati dalla doppietta di Dupont e dalle reti di Canale e Tomko. Ha un valore maggiore la vittoria ottenuta tre giorni più tardi contro il Bolzano campione d’Italia, grazie alla tripletta di uno scatenato Aquino e due goal di Sirianni. Le due squadre partono con il freno a mano tirato, ma dalla metà del primo periodo la partita diventa piacevole grazie all’attacco biancorosso, mentre il Bolzano sfrutta la fisicità dei suoi uomini migliori. Del primo periodo – che si conclude senza reti – si ricordano un gran tiro di Ihnacak e un clamoroso palo colpito da McCutcheon con Parise battuto. Il punteggio si sblocca nel secondo tempo e sono gli ospiti a passare in vantaggio, con McCutcheon che si fa perdonare l’erroraccio della prima frazione. Gli uomini di Flanagan non si rassegnano all’ennesima sconfitta stagionale contro i campioni d’Italia e, dopo una serie di attacchi neutralizzati da Hell, ribaltano il parziale con due reti di Aquino: la Valpe torna negli spogliatoi meritatamente in vantaggio. L’inizio della terza frazione è però da dimenticare: dopo appena 10 secondi, Tomko perde malamente il disco in zona difensiva e Insam deve solo spingerlo in rete per il 2-2. Il Bolzano ci crede, e Parise deve superarsi su Flynn e Bernard per evitare quella che sarebbe l’ennesima beffa stagionale inflitta dagli altoatesini. Nel miglior momento degli ospiti, ci pensa Sirianni a rimettere la partita sui binari giusti: nel giro di quattro minuti l’Mvp della Coppa Italia (6 goal in due partite nella Final Four di Torino) segna due reti sfruttando gli assist di DiCasmirro. Prima della sirena finale, Aquino corona la sua serata di grazia segnando in powerplay il goal che vale la tripletta personale. Intanto, l’Alleghe è stato sconfitto in casa dal Renon e, grazie a questo risultato, i biancorossi tornano ad occupare la quarta posizione in classifica. Tornando in casa Valpe, ha sorpreso il massiccio utilizzo della terza linea d’attacco – tutta italiana – composta da Nicolao, Pozzi e Canale, in una partita così delicata. Scelta esclusivamente tecnica, come ha spiegato Armani al termine della gara: «Già contro il Renon la terza linea aveva fatto molto bene, questa sera contro il Bolzano si è ripetuta alla grande. Quando lo meritano, noi siamo contenti di farli giocare». Un’altra nota lieta in casa Valpe è il ritorno di Paul Baier, che ha giocato contro Renon e Bolzano dopo un lungo infortunio: «Deve riprendere confidenza con il ghiaccio, ma sta recuperando bene». La pausa per la nazionale permetterà ai giocatori biancorossi – con l’esclusione di Sirianni, Johnson e DiCasmirro impegnati proprio con il Blue Team – di recuperare le forze in vista della volata finale che partirà martedì 12 febbraio, quando la Valpe farà visita al Val Pusteria.

Valpellice-Bolzano 5-2: BOL 24’57” McCutcheon (Sharp, Egger); VAL 27’27” Aquino (Ihnacak, Runer); VAL 30’18” Aquino (DiCasmirro, Intranuovo); BOL 40’10” Insam (Flynn); VAL 49’18” Sirianni (Dupont, DiCasmirro); VAL 53’29” Sirianni (DiCasmirro, Dupont); VAL 59’21” Aquino (Ihnacak, Intranuovo).

Ingaggiati Davenport e Spelda

Troy_Davenport

Troy Davenport, sarà la riserva di Parise

Arrivano due rinforzi in vista dei playoff: sono il portiere statunitense Troy Davenport e l’esperto difensore ceco Jaroslav Spelda. Davenport, 28 anni, arriva a Torre non come backup di Parise ma come suo sostituto in caso di infortunio: il regolamento non prevede infatti la possibilità di mettere a referto contemporaneamente due portieri stranieri, e in panchina continuerà quindi ad esserci il giovane italiano Andrea Rivoira.
Lo stesso discorso vale per Spelda, in quanto non si possono schierare più di 6 stranieri contemporaneamente sul ghiaccio. Attualmente, la Valpe gioca con Parise, Anderson, Ihnacak, Dupont, Tomko e Baier. Posto che il ruolo del portiere è occupato da uno straniero (Parise o Davenport), uno dei sei giocatori stranieri di movimento dovrà star fuori – senza essere comunque tagliato dal roster – e l’indiziato principale sembra essere Baier, che deve ritrovare la forma migliore dopo il lungo stop forzato. I due acquisti sono stati ufficializzati dalla società il 31 gennaio, ultimo giorno disponibile per i trasferimenti.

FirmaNicolò Mosca