Presentato al Palaghiaccio il primo film diretto da Claudio Amendola

È stato girato anche a Pinerolo (al Palaghiaccio e in piazza del Duomo) “La mossa del Pinguino”, il primo film che vede Claudio Amendola nelle vesti di regista. Lunedì 22 aprile, in una conferenza stampa, è stato presentato il progetto alla presenza del sindaco Eugenio Buttiero. Il film vanta un cast di tutto rispetto (Edoardo Leo; Ricky Memphis; Ennio Fantastachini; Antonello Fassari e Francesca Inaudi) e dovrebbe arrivare nelle sale nel 2014. “La mossa del Pinguino” racconta il sogno olimpico di quattro uomini disagiati che scoprono per caso il gioco del curling e si convincono di poter partecipare alle Olimpiadi Invernali di Torino 2006 dove l’Italia, paese ospitante, avrà di diritto una squadra qualificata. Si ingegnano in allenamenti improbabili quanto divertenti, cercando di acquisire così il diritto di partecipazione alle Olimpiadi. Per riuscirci dovranno però diventare uomini migliori. La loro è una storia di riscatto individuale e familiare, prima ancora che sociale. I toni sono quelli della commedia, il riferimento più vicino è senz’altro l’inglese “The Full Monty” di Peter Cattaneo del quale il film è a tratti un’ambientazione italiana possibile, credibile e allo stesso tempo imprevedibile. «Ci sono dei risvolti umani – ha spiegato Amendola durante la conferenza stampa – che vanno al di la dello sport, del curling. Raccontiamo quattro piccole miserie, quattro piccole situazioni bisognosi di riscatto: quattro personaggi molto simili alle persone che incontriamo per strada tutti i giorni. Il film è una commedia, ma abbiamo la presunzione di definirla una commedia amara, con tanti momenti che vanno al di là della comicità, sono sicuro che non si ride mai gratuitamente». Amendola ha anche espresso soddisfazione per come sta procedendo la sua prima esperienza da regista: «Se c’è una cosa alla quale tengo veramente è aver messo insieme un cast che secondo me, in questo momento non ha rivali in Italia».

Dal 25 al 28 aprile i campionati assoluti, in campo femminile vince il 3S Luserna

Giusto il tempo di smontare le scenografie del film, e si è passati al curling giocato con le finali del Campionato Italiano Assoluto, per la prima volta ospitate da Pinerolo. La quattro giorni di gare è iniziata giovedì 25 e si è conclusa domenica 28, quando sono stati assegnati i titoli di Campione italiano assoluto 2012- 2013. E, almeno in campo femminile, è stato rispettato il fattore casa: il titolo è stato vinto dal 3S Luserna, la prima volta per un team piemontese. Artefici dello storico risultato le giovani atlete Sara Levetti, Arianna Losano, Elisa Patono, Veronica Zappone e Laura Gualtiero, allenate da Lucilla Macchiati, che nella doppia finale hanno superato le avversarie del C.C.Tofane di Cortina d’Ampezzo (Giorgia Apollonio, Claudia Alverà, Federica Apollonio, Chiara Olivieri e Maria Gaspari) con i risultati di 7 a 6 e 9 a 4. Sul terzo gradino del podio il 66 Cortina, che ha battuto lo Sporting Club Pinerolo. In campo maschile si è invece laureato Campione d’Italia il Trentino Curling, composto da Amos Mosaner, Andrea Pilzer, Sebastiano Arman e Daniele Ferrazza, che ha battuto in finale il Curling Cortina 66 (Basilio De Zanna, Walter Bombassei, Massimo Antonelli, Marco Constantini e Marco Colli). Niente da fare per i team di casa: terzo il team Pinerolo-Torino 2006, quarto lo Sporting Club Pinerolo. Le squadre neo campioni italiane si sono aggiudicate anche il diritto a rappresentare l’Italia ai prossimi campionati europei, che quest’anno saranno anticipati in novembre. Per la femminile del 3S Luserna in dicembre anche il test più importante con la partecipazione al Challenge in Germania (Fussen) per conquistare un posto alle prossime Olimpiadi di Sochi 2014.