Maggio 2014

Sabato 5 aprile nel tardo pomeriggio è stata presentata a Frossasco la nuova lista “Insieme per Frossasco”. Pur essendo una conferenza stampa tutta la popolazione è stata invitata all’incontro con il candidato sindaco Federico Comba. «Non viene presentata oggi la lista completa – ha spiegato Giuseppe Caggiano, moderatore dell’incontro – a causa della recente approvazione da parte del parlamento del decreto Del Rio che ha portato a 10 il numero dei consiglieri».

Caggiano ha poi continuato presentando il simbolo: «La presenza della torre e del leone nero richiamano l’identità di Frossasco, la presenza di uno spazio verde sottolinea la ricerca di un ambiente più bello, più vivibile, più ecologicamente compatibile. Il nome della lista indica l’unità: è necessario infatti unire il paese. Continuare a lavorare ognuno per sé non aiuta la società: è necessario unirsi per migliorare Frossasco». Non è stata data però nessuna indicazione sul significato dell’arcobaleno presente nel simbolo.
Comba si è quindi presentato: «Ho 34 anni, sono laureato in ingegneria edile e sto in minoranza nel consiglio comunale dal 2009. Qualche tempo fa mi sono domandato: come posso essere utile a Frossasco? Vedo questo paese diviso su diversi fronti. Noto che manca una modernizzazione. Frossasco è un paese spento, nel vero senso della parola e non solo psicologicamente: nelle strade una luce ogni due non funziona. Sapete perché? Perché non ci sono i soldi: io voglio riportare Frossasco a splendere. Anche per quanto riguarda il lustro che avevamo in passato. Fino a cinque anni fa eravamo un paese virtuoso: abbiamo speso per le ippovie che erano molto frequentate, per lo spostamento di Casa Canada e tanti altri progetti.

Inoltre è necessario uno sforzo perché ci siano i servizi per tutti i cittadini di ogni età ed estrazione sociale. Il tutto verrà fatto con il vostro aiuto: lavoreremo ascoltando le vostre esigenze e trasformando i problemi in soluzioni. Il tutto sarà fatto con concretezza perché io sono un uomo concreto». Con questa carica nell’ascoltare le esigenze del paese è stata passata la parola ai soli giornalisti, non dando spazio immediatamente ai cittadini che sono invitati a mandare mail o ad incontrare direttamente e di persona il candidato. Tra le questioni poste in conferenza stampa c’è stata anche quella dei fondi: come si potranno realizzare tutte queste cose se c’è un’emergenza di liquidità?

«Semplice – ha risposto Comba – Bisognerà creare dei progetti realizzabili da far accettare in Regione per ottenere dei fondi». Verrà quindi chiesta liquidità ai piani alti. Un dubbio rimane: se questi soldi non arrivassero?

Il candidato si rende comunque disponibile a rispondere a questa e altre domande sull’indirizzo insiemeperfrossasco@libero.it.

Manuel Marras

frossasco