La Direzione Generale dell’ASL TO3 ha appena approvato un piano di investimenti in edilizia, manutenzioni ed attrezzature biomediche di pari a 12 milioni di euro.

L’Azienda ha deciso di mettere in campo la disponibilità derivante da risparmi gestionali, ribassi d’asta, possibili mutui e risorse vincolate (destinabili solo agli adeguamenti in materia di sicurezza).
Un piano che si pone l’obiettivo di far fronte, in modo pianificato e non sporadico, a tutte quelle esigenze ritenute prioritarie ed indifferibili individuate a seguito di una ricognizione.
«È evidente che in un’azienda così ampia, con 8 fra Ospedali e Poli sanitari, con 160 sedi di servizi, le esigenze sarebbero molto superiori alle possibilità reali di intervento – spiega Flavio Boraso, Direttore Generale dell’ASL TO3 – tuttavia grazie all’analisi di ogni minima disponibilità dovuta soprattutto a risparmi ed economie di gestione, siamo riusciti a mettere insieme un fondo complessivamente significativo che ci consente quest’anno di pianificare interventi di una certa importanza ritenuti prioritari sia in edilizia sia in apparecchiature sanitarie».

Intanto si attende «una nuova iniezione di liquidità da parte dell’Assessorato alla sanità che, grazie al buon andamento dei conti regionali, per quest’anno dovrebbe poter disporre di risorse aggiuntive da destinare agli investimenti nelle ASL piemontesi».
L’intera pianificazione si articola di fatto su 4 diversi filoni:
1) – Il Piano investimenti ( 2,4 milioni di euro) per attrezzature biomediche, arredi, sicurezza.;
2) – Il Piano manutenzioni ( 3,6 milioni di euro) per interventi in ambito edilizio ;
3) – Il Piano per il recupero e la fruizione della Certosa di Collegno ( 750 mila euro) ;
4) – Il Piano mutui ( 5,3 milioni di euro) per investimenti nel riordino logistico delle sedi a Rivoli

Nella tabella le risorse destinate all’ospedale di Pinerolo.

Lavori ospedale di Pinerolo

flavio-boraso