19 gennaio 2016

Sapori di vita continua ma si apre al mondo…” Così recita la nuova rubrica che potete trovare ad ogni uscita del giornale nella pagina territorio. Da novembre il nome è lo stesso, ma il contenuto e le intenzioni sono cambiate. Il cucinare è uno dei gesti solidali per eccellenza – si cucina sempre per qualcuno –, perché la cucina è un gesto d’amore. Lo stesso mangiare insieme rappresenta uno dei momenti di aggregazione per antonomasia, sia con gli amici, che in famiglia, perfino con gli estranei. In un momento in cui il mondo è in tensione e le culture possono sembrare contrapposte, le ricette e la loro provenienza stimolano l’integrazione tra popoli, religioni e usanze, e non importa essere uno chef, perché tutto è buono quando viene dal cuore.

Dunque parliamo a tutti: donne, uomini, nonne, mamme, sorelle, zie, papà, amici. Condividete con noi e con tutti i lettori di Vita le vostre ricette, scattate la foto del piatto finito, annotate dosi, ingredienti, passaggi della preparazione, specificate la provenienza della ricetta (se di origine  piemontese, toscana, siciliana, messicana, asiatica, ecc.) e mandate tutto via e-mail a info@vitadiocesanapinerolese.it oppure grafica@vitadiocesanapinerolese.it

Noi le pubblicheremo a vostro nome e chi vorrà potrà sperimentarle.

«La tavola è un luogo di incontro, un terreno di raccolta, una fonte di sostentamento e nutrimento, è festività, sicurezza, e soddisfazione. Una persona che cucina è una persona che dà: Anche il cibo più semplice è un regalo» (Laurie Colwin)

Cinzia Pastore e Simona Mensa

 

Di seguito le foto delle vostre  pietanze pubblicate finora.