2 settembre 2015

WHEN U2 COME TO OUR TOWN.  Gli U2: una passione, un mito, un sogno che si avvera ogni volta che vengono in Italia per un tour. Ne ha fatto di strada questa rock band irlandese di ispirazione cristiana,  da quando nel 1974 in una scuola di Dublino si formò il gruppo. Quei ragazzi (allora quattordicenni), con i loro album hanno avuto un successo planetario, e con i loro tour hanno letteralmente fatto il giro del mondo. È davvero incredibile che, per uno scherzo del fato, gli U2 siano di casa a Pinerolo per la seconda volta in cinque anni: nel 2010 Bono si infortunò alla schiena e, avendo la band necessità di fare le prove a Torino qualche giorno prima del concerto, la band cercò una location alternativa all’Hotel di Milano ove solitamente soggiornavano; ed ecco che, per merito di Andrea, un meritorio pinerolese che lavora in quell’hotel, e di Alberto, un altrettanto meritorio agente immobiliare pinerolese interessato della questione, la splendida cornice di Villa Doria  aveva fatto al caso loro; Bono si è trovato così bene nel nostro territorio che per le tappe torinesi del nuovo Tour ha deciso di tornarvi. Ghiotta occasione per i suoi fan, compreso il sottoscritto, per la ricerca di una foto o di un autografo. Il bello di quest’impresa è il fare nuove amicizie con persone che portano nel cuore storie di militanza simile alla propria: non aver mai perso un concerto negli ultimi 20 anni, sapere a  memoria l’intera discografia, l’essere iscritti al fan club ufficiale ecc.

Io personalmente son riuscito ad avere l’anelato autografo del cantante, cortese e disponibile con tutti: ho dovuto sostare sotto il sole per qualche ora appoggiato ad una transenna, in mezzo a circa trecento ragazzi (più o meno giovani) venuti da tutta Italia, ed ho potuto apprezzare la serietà dell’organizzazione del Pala-Alpitour, sia per la sicurezza sia per l’attenzione ai fan, avendoci donato bottiglie d’acqua in sufficiente quantità.

Pinerolo dunque, per la seconda volta, non è solo casa nostra, ma è anche casa degli U2: un motivo d’orgoglio in più per vivere in questa città, in questo territorio.

MARIO INCARDONA

 

L'autografo che Bono Vox ha rilasciato a Mario Incardona, avvocato e fan sfegatato degli U2

L’autografo che Bono Vox ha rilasciato a Mario Incardona, avvocato e fan sfegatato degli U2