Bricherasio. I parenti e gli amici si stringono nella preghiera Sarebbe stato incredibilmente facile aprire questo pezzo con “Bricherasio. Possibile overdose” o “Ragazza morta in circostanze misteriose”. Ma questo non sarebbe giusto per due motivi. Perché non saremmo stati nella verità e perché che ci saremmo presi il diritto di giudicare.
Abbiamo allora preferito aspettare, essere silenziosi, accompagnando nella preghiera e rispettando il dolore di genitori, parenti e amici di Sara Bertinetto. Bricherasiese venticinquenne, solare, gioiosa, amava la vita come tutti i giovani. È mancata lunedì 9 maggio. Nel pomeriggio di giovedì il funerale a Cavour. Il parroco, durante l’omelia, ha voluto ricordare particolarmente il viaggio che aveva da poco compiuto in compagnia dei genitori a Lourdes: un viaggio al seguito di una fede straordinaria, quella che Sara ha sempre avuto. Sono stati molti gli amici che si sono stretti attorno alla famiglia nel silenzio e nella preghiera, molti che hanno voluto ricordarla ascoltando “Farewell”, canzone di Guccini che Sara amava: «E sorridevi e sapevi sorridere coi tuoi vent’anni portati così, come si porta un maglione sformato su un paio di jeans». Sara Bertinetto