Se pensate di aprirlo e sfogliarlo non siete sulla strada giusta. Non funziona così.
“Dimmi qualcosa di bello” è un libro da fare a pezzi. Nel vero senso della parola.
Non un libro tradizionale da leggere dall’inizio alla fine. Ma un volume da smontare (e quasi si smonta da solo!) e condividere. Così l’ha pensato il curatore Luca Rubin e gli altri quattro autori che hanno offerto a quest’opera parole e immagini. Sono messaggi di vita. Per ogni situazione: il quotidiano, la festa, la sofferenza, la fatica, l’amore.
L’idea è nata sul terreno virtuale (ma fertile!) del gruppo Facebook “Un minuto con Dio”. Dal virtuale al reale. Dal monitor alla carta.
Così chi si regala questo libro si ritrova in mano pezzi di anima. Tenerli per sé? Impossibile. Ogni messaggio (o chiamatele cartoline, se preferite) chiede di essere condiviso. Sul retro c’è lo spazio per una dedica, un appunto, anche solo un nome. E poi via. Sulle strade del mondo per arrivare alla persona giusta nel momento giusto. “Dimmi qualcosa di bello” non è un libro da tenere sullo scaffale: lì proprio non ci vuole stare. Se sta fermo muore. Se si muove vive e irradia vita.

 

Luca Rubin, Dimmi qualcosa di bello, Vita Editrice, Pinerolo 2016, pp 100, € 12,50


Richiedilo alla mail vitaeditrice@gmail.com o in libreria

Scopri di più sulla pagina facebook dedicata cliccando qui

 

dimmi-4

Gli autori

 

LALLA DESIDERATO

Ha insegnato nelle scuole primarie di Trieste e Bari, dove vive tuttora, cercando di coinvolgere alunni in attività laboratoriali in continuità con ogni ordine e grado di scuola. Il tempo libero dagli impegni lavorativi

l’ha dedicato agli studi teologici, che le hanno permesso di conseguire la Laurea Magistrale in Scienze Religiose presso la Facoltà Teologica Pugliese. Il suo continuo dialogare con Dio durante la giornata le

permette di convivere serenamente con la devastante malattia della Sla, di cui suo marito è afflitto.

 

AMELIA DE SIMONE

Torinese di adozione, nata a Torre Annunziata (Na), conserva la matrice delle tinte chiaroscure della passionalità partenopea, filtrata dalla riservatezza tipicamente sabauda, sia negli scritti che nella vita

privata. É appassionata alla poesia e alla scrittura, attraverso le quali indaga sulla profondità dell’umano e del creato. È autrice unica del blog “Bellezza in bozzolo”. www.ameliadesimone.it

 

STEFANIA PERNA

Laurea in lettere, diploma di pianoforte, dottorato di ricerca su s. Ambrogio, marito e 3 fi gli, come credente, fortemente convinta della necessità di “dare ragione della speranza cristiana”, ha scritto un libro che ha avuto rapida e grande diffusione: “50 preghiere per cercatori di speranza” ed. Effatà – 2013, ha appena pubblicato “Strada facendo: tutti sogni o tutti segni?” ed. Cantagalli 2016 e “Diario di Elena” ed. Ancora.

 

PATRIZIO RIGHERO

Nato nel 1970 a Pinerolo, dal 1997 è sposato con Cristina Menghini. Licenziato in teologia pastorale presso la Pontificia Università Salesiana, ha al suo attivo numerosi libri di spiritualità, pastorale e narrativa e il romanzo “Discepolo muto” (Marcovalerio editore). Su Facebook ha creato il gruppo “Un minuto con Dio”. È Direttore del giornale “Vita Diocesana pinerolese”.

LUCA RUBIN

Nato a Torino nel 1971, lavora nel non profit, (creazione eventi, fundraising e comunicazione per la Onlus Street Child Italia). È volontario della ONG Apurimac. Scrive per PHI Foundation e Vita diocesana pinerolese, periodico web e cartaceo. È laureato in teologia. www.lucarubin.it