Con questa poesia di Carlin Porta, la redazione di Vita Diocesana augura a tutti i lettori una buona e santa Pasqua.

 

 

A-i rivrà la Pas?

 

Neuve grame e brute as levo ’nt l’aria

an costi temp burios dël di d’ancheuj,

guère crue, arvire corme ’d sangh

a marco minca di le preus violente.

 

La mòrt ch’a fà babòja daré dl’uss

a sbaruva la gent ch’a fà scapé,

la sòrt ch’a-j toca a l’é për nen sicura

e la tribulassion l’é lì dapé.

 

Buria con bòria a fan d’afé scaros

e pòvra gent a tomba ’n man d’arlòt

corm borà ’d gramissia e sensa cossiensa.

 

TI ch’it sas bin còs l’é ’l patiment dur,

buta toa man drinta a minca cheur

përtant che Pas a vagna prepotensa.

 

pasqua1

 

Arriverà la Pace?

 

Notizie cattive e brutte si levano nell’aria

in questi tempi burrascosi d’oggidì,

guerre efferate, rivolte colme di sangue

segnano ogni giorno le porche violente. 

La morte che fa capolino dietro l’uscio
sbigottisce la gente che fa fuggire,

la sorte che gli tocca non è per nulla sicura

e la tribolazione gli è rasente. 

Fango con boria fanno faccende laide

e povera gente cade in mani d’arlotti

colmi calcati di cattiveria e senza coscienza. 

TU che sai bene cos’è il patimento duro,

metti la tua mano dentro ad ogni cuore

pertanto che la Pace superi la prepotenza.