5 maggio 2016

Nell’ambito degli incontri tra sacerdoti cattolici e pastori valdesi che si svolgono nella diocesi di Pinerolo, lo scorso mercoledì 3 maggio è stata presentata la bozza di una liturgia battesimale da celebrarsi in forma ecumenica per il battesimo dei figli di coppie interconfessionali.

Il testo proposto ha raccolto molte osservazioni, ma soprattutto è stata espressa soddisfazione per il lavoro svolto.

Era da metà degli anni ottanta del secolo scorso che le Commissioni ecumeniche Valdese-Cattolica avevano iniziato il loro lavoro per preparare una possibile liturgia battesimale in forma ecumenica.

A quel tempo si era richiesto il parere di alcuni teologi cattolici: Bruno Forte, Luigi Sartori, Severino Dianich, Donato Valentini, Pierre Duprey, Giovanni Cereti. L’attenzione, negli anni seguenti, si è spostata sui matrimoni interconfessionali, preparando il “Testo comune per un indirizzo pastorale dei matrimoni tra Cattolici e Valdesi e Metodiste in Italia” (anno 1997) e nel 2000 il “Testo applicativo.

In questi ultimi anni, negli incontri tra preti e pastori, è emersa nuovamente l’esigenza di elaborare una  liturgia battesimale comune per i figli delle coppie interconfessionali.

«Il cammino non è finito – spiega il Vescovo di Pinerolo, Pier Giorgio Debernardi -. Intanto, ieri, avendo avuto un incontro con monsignor Nunzio Galantino, segretario della CEI, ho presentato a lui il testo provvisorio e mi ha assicurato che lo porterà in esame nelle sedi competenti (Commissione episcopale per l’Ecumenismo, Pontificio Consiglio per l’Unione dei cristiani, Congregazione per il culto divino). Da parte della Chiesa valdese, il documento dovrà essere discusso, vagliato e approvato dal Sinodo.

Certo, il testo avrà ancora bisogno di miglioramenti. Mi pare però importante essere giunti a questo traguardo. Così le famiglie interconfessionali comprendono che il battesimo inserisce nell’unica Chiesa di Cristo, prima ancora delle varie divisioni che sono avvenuti nel corso della storia». E conclude: «Gli incontri preti-pastori insieme ai diaconi/e, sono momenti preziosi che aiutano a rendere l’ecumenismo una cammino che coinvolge la vita di tutti i credenti in Cristo».

IMG-20160503-WA0013

L’incontro tra preti e pastori

IMG-20160503-WA0011

Mons. Nunzio Galantino

Mons. Nunzio Galantino