Lunedì 7 la riunione della Conferenza episcopale piemontese La famiglia e il mondo del lavoro con uno specifico approfondimento sui giovani e i dati sulla disoccupazione in Piemonte. Sono i temi principali su cui si è confrontata la Conferenza episcopale piemontese nella riunione che si è svolta a Pianezza lunedì 7 febbraio. L’incontro è stato aperto da una relazione dell’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, Presidente Cep, con un aggiornamento sugli orientamenti Cei. Mons. Giuseppe Cavallotto, vescovo di Cuneo –Fossano, è intervenuto sul tema dell’iniziazione cristiana, argomento che sarà ripreso nel prossimo incontro Cep di fine estate. I vescovi di Piemonte e Valle d’Aosta hanno incontrato i responsabili della commissione pastorale per la Famiglia, presieduta dal vescovo di Aosta, mons. Giuseppe Anfossi. Al centro del confronto la famiglia dalla sua formazione con i corsi prematrimoniali fino alla ricerca di una pastorale per i divorziati, passando per tutti gli ambiti che la riguardano. La riflessione è proseguita con il confronto sulla questione lavoro. Il sindacalista cisl Nanni Tosco, il presidente dell’Ucid torinese e imprenditore Riccardo Ghidella con don Daniele Bortolussi, direttore della commissione regionale per la pastorale Sociale e del Lavoro hanno illustrato nel dettaglio la situazione del mercato del lavoro piemontese, con un maggior approfondimento sulle dinamiche che interpellano il mondo giovanile. Mons. Giuseppe Versaldi, vescovo di Alessandria, ha aggiornato la Cep sull’attività svolta dall’osservatorio giuridico e sui possibili sviluppi. Infine, don Dino Campiotti, direttore dell’ufficio diocesano della Caritas di Novara è stato nominato nuovo responsabile della commissione regionale Caritas. La Cep ha concordato di divulgare a giorni un messaggio dedicato alla ricorrenza dei 150 anni dell’unità d’Italia.

Torino, 08.03.2011 L'Arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia