22 febbraio 2016

Le cosiddette “conferenze quaresimali” – longeva invenzione culturale e spirituale di monsignor Pietro Giachetti – quest’anno prendono il via con l’intervento di un non credente. Una scelta ponderata e non casuale. Ovviamente. Si tratta di Carlin Petrini, vulcanico fondatore dell’associazione Slow Food, che presenterà l’enciclica di Papa Francesco «Laudato si’» di cui ha curato la prefazione nell’edizione edita da San Paolo. Il titolo della serata – Una riflessione insieme gioiosa e drammatica – lascerebbe pensare a scenari incerti ma, scrive lo stesso Petrini presentando il testo: «Mi sento di dire che è la gioia a prevalere  –  e lo affermo da lettore non credente  –  seppur i presupposti siano dolorosi. È la gioia di poter credere in un cambiamento rivoluzionario, e in una nuova umanità. È la gioia che profondono le parole del Papa, piene di speranza anche quando descrivono i peggiori disastri in cui versiamo». E conclude affermando che dalla lettura dell’enciclica «scaturirà la voglia di costruire, di “coltivare e custodire”».

L’appuntamento è per martedì 23 febbraio, alle 20:45 a Pinerolo nella chiesa del Seminario di Pinerolo (via Trieste, 44). Ingresso libero.

Carlo-Petrini