11 febbraio 2016

La misericordia è al cento anche del Messaggio di Papa Francesco per la giornata mondiale del malato che ricorre oggi (memoria liturgica della Beata Vergine Maria di Lourdes) ma che, nella diocesi di Pinerolo, si celebra domenica 14 con il rosario e la messa presieduta dal Vescovo in cattedrale. Papa Francesco propone e commenta l’episodio biblico delle nozze di Cana dal quale emerge la tenerezza di Maria. «Quella stessa tenerezza – scrive il pontefice nel messaggio – si fa presente nella vita di tante persone che si trovano accanto ai malati e sanno coglierne i bisogni, anche quelli più impercettibili, perché guardano con occhi pieni di amore. Quante volte una mamma al capezzale del figlio malato, o un figlio che si prende cura del genitore anziano, o un nipote che sta vicino al nonno o alla nonna, mette la sua invocazione nelle mani della Madonna! Per i nostri cari che soffrono a causa della malattia domandiamo in primo luogo la salute; Gesù stesso ha manifestato la presenza del Regno di Dio proprio attraverso le guarigioni». E prosegue: «l’amore animato dalla fede ci fa chiedere per loro qualcosa di più grande della salute fisica: chiediamo una pace, una serenità della vita che parte dal cuore e che è dono di Dio, frutto dello Spirito Santo che il Padre non nega mai a quanti glielo chiedono con fiducia». L’invito per tutti, e in modo particolare per coloro che si prendono cura degli ammalati, è quello di «essere mani, braccia, cuori che aiutano Dio a compiere i suoi prodigi, spesso nascosti. Anche noi, sani o malati, possiamo offrire le nostre fatiche e sofferenze come quell’acqua che riempì le anfore alle nozze di Cana e fu trasformata nel vino più buono. Con l’aiuto discreto a chi soffre, così come nella malattia, si prende sulle proprie spalle la croce di ogni giorno e si segue il Maestro (cfr Lc 9,23); e anche se l’incontro con la sofferenza sarà sempre un mistero, Gesù ci aiuta a svelarne il senso».

La messa in cattedrale

Appuntamento nella cattedrale di Pinerolo alle ore 15.15. Alle 15:30 il rosario meditato e alle 16 messa presieduta dal Vescovo. Se serve il trasporto per qualche ammalato o anziano, telefonare al 333.37.71.104, ore pasti.

GMM16_locandina24x32.indd