Sono passati dieci anni dalla pubblicazione della Nota pastorale “Predicate il Vangelo e curate i malati”, frutto del lavoro della Commissione episcopale per il servizio della carità e la salute. Tra le altre cose aveva posto in agenda, per la pastorale della salute, il tema della “nuova evangelizzazione” e del rapporto tra comunità cristiana e persone sofferenti. Essa si proponeva anche di «offrire alle comunità ecclesiali criteri di discernimento e indicazioni pastorali per un’adeguata evangelizzazione e un’incisiva testimonianza della speranza cristiana nel mondo della salute». A partire da questa Nota che cosa è cambiato in questi due lustri in Piemonte e Valle d’Aosta? La pastorale della salute è una pastorale che è stata capace di integrarsi nella pastorale ordinaria? Si è rafforzata negli ospedali e soprattutto si è radicalizzata nei territori? Quali sono i rapporti tra questa pastorale e gli operatori sanitari? E ancora quali sono le prospettive per le cappellanie ospedaliere? Sono solo alcune delle domande che verranno affrontate e a cui si daranno risposte durante i lavori del convegno regionale promosso dalla Consulta regionale pastorale Salute della Conferenza episcopale piemontese il prossimo sabato 5 novembre al Centro congressi Regina Montis di Vicoforte (alle porte di Mondovì). Sarà presente don Carmine Arice, direttore dell’ufficio nazionale pastorale Salute che offrirà una panoramica su cosa sta accadendo a livello nazionale, mentre l’aspetto regionale sarà trattato da Ivan Raimondi della Consulta Pastorale Salute. La prima sessione che inizia alle 9.15 moderata da don Domenico Bertorello (incaricato regionale Cep pastorale Salute) prevede anche l’intervento di Giovanni Cervellera, presidente Aipas su “Il fondamento dell’agire pastorale nel mondo della salute” e quello di Gian Paolo Zanetta (direttore generale Città della Salute di Torino) su “La comunità cristiana tra ospedale e territorio”. Dalle 11.15 inizia la seconda sessione con la tavola rotonda “Prospettive della pastorale Salute in Piemonte” coordinata da Chiara Genisio (direttore Agenzia giornali diocesani) che intervisterà Cesare Nosiglia (presidente Cep e arcivescovo di Torino), Franco Giulio Brambilla (vescovo di Novara) e Marco Brunetti (vescovo di Alba).
La giornata di approfondimento sarà arricchita dal Giubileo per il mondo della salute piemontese con la messa delle 12.45 al Santuario Regina Montis Regalis.
Il convegno si rivolge in particolare agli operatori sanitari e a tutti coloro che operano nella pastorale della salute.
Sono previsti crediti Ecm per tutte le professioni sanitarie.

AGD


salute-mentale