6 giugno 2016

Sono stati finalmente individuati ed arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Saluzzo con le accuse di rapina e lesioni personali aggravate in concorso, F.S., 51enne di origini siciliane residente nel torinese e P.A., 44enne di Cerignola (FG). 

I due, la sera del 18 gennaio scorso, si presentarono presso la sede di una ditta di Barge (CN) operante nel settore del commercio all’ingrosso di generi alimentari spacciandosi per trasportatori dipendenti di un’azienda olearia pugliese. Il piano era stato studiato nei dettagli, avendo gli stessi malviventi preso in precedenza contatti col titolare della ditta, un imprenditore 32enne del luogo, proponendogli l’acquisto di un rilevante partita di olio d’oliva extravergine pugliese di ottima qualità ad un prezzo concorrenziale.

Resosi conto della frode che si stava perpetuando a suo danno, il grossista interrompendo le operazioni di scarico e dicendo loro di riprendersi l’olio, stranamente annacquato, fu assalito dai due con un colpo alla testa per mezzo di un bastone e derubato di un borsello contenente 14mila euro in cotanti (soldi che sarebbero serviti per pagare sia l’olio che altri fornitori).

Identificati come noti pregiudicati specializzati nelle frodi alimentari, pur spostandosi continuamente sul territorio italiano, sono stati rintracciati e fermati qualche giorno fa, il primo a Sanremo (IM) dove era intento ad aprire un’attività commerciale, il secondo ad Orbassano (TO) presso conoscenti. Entrambi sono stati condotti in carcere.

carabinieri