3 ottobre 2014

Torino – “Agricoltura BSide”: è il progetto che Coldiretti Torino presenterà, mercoledì 8 ottobre, a Torino, alle ore 17.30, a Cascina Quadrilatero, in piazza Emanuele Filiberto. «“Agricoltura BSide”: un progetto così denominato – spiega Michele Mellano, direttore Coldiretti Torino – perché i temi dell’agricoltura sociale, del cibo civile, dei mercati di relazione e dell’alleanza tra produttori e i consumatori, pur essendo strumenti di produzione di valore economico e sociale, oggi sono spesso ancora considerati il “lato B” dell’agricoltura. BSide però riprende anche il vocabolo inglese “beside”, “accanto a”, e richiama un’agricoltura che, al fianco di altri soggetti – quali cooperative, associazioni, enti pubblici, cittadini, servizi socio assistenziali ecc. – va intessendo reti collaborative e co-producendo cibo, relazioni e, soprattutto, nuove utilità economiche e sociali per i territori, mescolando saperi, linguaggi e geografie urbane, periurbane, rurali, marginali».

A Torino, mercoledì 8 ottobre, a Cascina Quadrilatero, dalle ore 17,30, a presentare il progetto “Agricoltura BSide” ci saranno: Michele Mellano, direttore Coldiretti Torino; Fabrizio Galliati, presidente Agrimercato di Torino; Stefania Fumagalli, responsabile Progetti Coldiretti Torino; Monica Pisciella, giornalista, specializzata in wine e food e turismo; Martina Sabbadini, referente Ue.Coop Torino; Samuele Pigoni, della Diaconia Valdese. Il progetto Agricoltura BSide, promosso da Coldiretti Torino, è realizzato con il contributo della Camera di commercio di Torino, bando Promozione 2013.
«Un progetto che si struttura con alcune linee di lavoro – spiega Stefania Fumagalli, responsabile Progetti Coldiretti Torino –. Nell’ambito del tema “L’agricoltura nell’area metropolitana” saranno realizzate azioni per favorire la riorganizzazione delle risorse agricole dell’area metropolitana, con l’intento di avviare una loro valorizzazione, volta alla produzione di cibo, a realizzare opportunità di lavoro e a costruire una nuova cognizione urbana della cultura della produzione agricola. Proprio in questo ambito è già maturata l’esperienza di Cascina Quadrilatero che ospiterà il lancio del progetto e una serie di eventi correlati».
«Di fronte alla sfida futura del cibo che le città si troveranno ad affrontare – continua Stefania Fumagalli – i mercati divengono luogo di incontro, di costruzione di relazioni e di co-progettazione, rispetto al futuro cibo delle città. Con la linea di lavoro “Azioni di innovazione nella cultura e nel funzionamento dei mercati agricoli di Campagna Amica” i mercati dei produttori agricoli saranno ridisegnati, in una logica di nuova relazione tra città e campagna e fra coltura e cultura. Il primo degli eventi previsti dal progetto sarà realizzato in collaborazione con il Festival “Per Sentieri e remiganti”, a cura dell’associazione Gruppo del Cerchio. Si tratta di un’esposizione, nei mercati domenicali torinesi di Campagna Amica, di 25 riproduzioni di fotografie di Mario De Biasi. Il lancio della mostra si svolgerà nei giorni del Salone del Gusto; come evento correlato a quelli previsti dal Fuori salone. Cascina Quadrilatero ospiterà le riproduzioni fotografiche; altri scatti saranno esposti, fino alla fine di febbraio, nei due locali torinesi dell’agrihamburgeria M** Bun».
«Nel 2014 Coldiretti Torino, insieme alla Diaconia Valdese e a Ue.Coop ha proseguito la sperimentazione nell’ambito dell’agricoltura sociale – precisa Samuele Pigoni, della Diaconia Valdese –. Le azioni, che saranno avviate nella linea “Agricoltura sociale e co-produzione di cibo civile”, punteranno a organizzare reti di protezione sociale attraverso la diffusione, il consolidamento e la valutazione delle pratiche di agricoltura civica e sociale. E’ altresì prevista la realizzazione di nuovi servizi, innovativi, per la popolazione e la costruzione di un’alleanza sul cosiddetto “cibo civile”. Lo strumento cardine per questa sperimentazione sarà un Living lab, che vedrà lavorare in sinergia Coldiretti Torino, Ue.Coop, Diaconia Valdese e l’Università di Pisa».
«Nell’ambito della linea “Comunicazione digitale e gestione delle informazioni disponibili” – spiega Martina Sabbadini, referente Ue.Coop Torino –, le attività progettuali saranno realizzate con l’uso di strumenti e metodi di lavoro che favoriscono la partecipazione e il coinvolgimento diretto dei destinatari del progetto. L’obiettivo è rendere protagoniste del cambiamento le imprese agricole e le altre realtà produttive del territorio torinese».
«Considerata la rivoluzione che la comunicazione digitale sta portando anche nel modo di fare impresa in agricoltura – afferma Fabrizio Galliati, presidente Agrimercato di Torino –, si è pensato di organizzare un percorso trasversale rispetto alle azioni già previste da un altro progetto di Coldiretti Torino, denominato “COLtura Digitale”. Un percorso che ha l’intento di portare produttori, consumatori, giovani imprenditori e studenti, enti pubblici e locali, servizi sociali, imprese e cooperative, a costruire la narrazione della loro esperienza di co-produttori di cibo civile. E questo lo si farà attraverso l’utilizzo dei social network e di tutti gli strumenti della comunicazione digitale. Nello stesso tempo si cercherà di comprendere come le informazioni disponibili dai vari attori del percorso possano essere condivise e diffuse anche per garantire una sempre maggiore trasparenza nei confronti dei cittadini-consumatori».
Al termine della conferenza stampa, sempre a Cascina Quadrilatero, sarà rappresentato, a cura dell’associazione Gruppo del Cerchio lo spettacolo “Song Of The Earth – Il Canto della Terra”, presentato in agosto al Fringe Festival, di Edimburgo e sarà possibile degustare un aperitivo leggero, a base di prodotti di cibo civile.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA