29 marzo 2014

Nel pomeriggio di giovedì 27 marzo, diverse squadre del Comando dei Vigili del fuoco di Torino, sono intervenute per soccorrere due uomini intrappolati in un pozzo. I primi vigili giunti sul posto,  in corso Umbria, hanno subito accertato che dall’interno di un basso fabbricato in disuso, ma utilizzato come ricovero da indigenti, giungevano lamenti e richieste di soccorso.
Le persone si trovavano in un pozzo di diametro di circa  un metro, privo di acqua e profondo alcuni metri dal quale si individuava al buio, un uomo in stato di semincoscienza.
Il personale specializzato in soccorso speleo alpino, indossati i necessari dispositivi di autoprotezione, sono riusciti a portare in superficie il malcapitato.
Contestualmente altri operatori hanno effettuato una ricognizione del pozzo, dal quale si sviluppava in orizzontale per circa 5 metri un cunicolo, all’interno del quale è stato ritrovato un altro uomo privo di sensi .
Il recupero di questa seconda persona è stato molto più complesso per il ridotto spazio e per la presenza di una elevata concentrazione di monossido pari a circa 4000 ppm.
Alla conclusione dell’intervento cinque vigili hanno accusato un lieve stress e un disagio respiratorio. Sono stati accompagnati, a scopo cautelativo, presso l’ospedale di zona per sottoporsi a controlli sanitari.