16 giugno 2016

Antonio Saitta, alla guida della Commissione salute della conferenza delle Regioni, e Massimo Garavaglia, presidente del Comitato di settore sanità delle Regioni, non hanno approvato il disegno di legge Ddl ex art. 22 del Patto per la Salute. 

Non convinti su due punti in particolare: l’ingresso degli specializzandi nel Ssn e la formazione di medicina generale. Circa il primo tema, alcuni hanno sollevato il dubbio sul rischio di un uso improprio degli specializzandi. Si era proposto un doppio percorso con assunzione a tempo determinato, ma l’ipotesi non è comparsa nel documento. L’accordo rimane sospeso anche perchè sarebbe necessario un accordo con L’Università, che propone un doppio percorso formativo. Attualmente, ribadisce Saitta, «per le nuove esigenze organizzative, la struttura accademica non è adeguata».

Giovedì prossimo un altro incontro per giungere ad un accordo.

Saitta