2 aprile 2015

È in programma venerdì 17 aprile la festa di inaugurazione dell’Ostello “Il Piccolo Tibet di Rorà”. A gestirlo sarà l’Associazione Il Raggio, la stessa che, tra le altre attività, manda avanti da anni il progetto del Pinerolo FD (For Disabled), insieme al consorzio Coesa di Pinerolo.

Non si tratta dunque di un’operazione prevalentemente commerciale, ma un progetto con una forte valenza sociale. Un progetto di «inclusione e integrazione». «È il desiderio di mettere a disposizione del territorio un nuovo strumento di educazione alla cultura dell’inclusione sociale – spiega Marco Tealdo, presidente dell’Associazione Il Raggio – che abbiamo accettato la nuova sfida della gestione dell’Ostello.

Il Piccolo Tibet sarà il luogo dell’integrazione realizzata. Un bozzetto di come il mondo e la società potrebbero funzionare se tutti ci “mettessimo in cammino” nella direzione del più debole. Sarà un luogo dell’educazione alla cultura della diversità intesa come risorsa, intesa come strumento per arricchire ognuno e, di seguito, la società intera».

Il progetto dell’associazione, è che l’Ostello diventi «una fucina di idee che abbiano come comune denominatore la logica dell’integrazione».

L’Ostello Il Piccolo Tibet, quindi, «ospiterà persone singole e gruppi per week end di relax, rilassanti momenti di immersione nella natura, mostre, presentazione di libri, percorsi culturali e formativi. Ma sarà anche meta di feste, ritrovi, convegni e incontri».

«Entrando nell’Ostello Piccolo Tibet si respirerà voglia di cambiamento e speranza per edificare una società più fraterna».

L’associazione Il Raggio metterà a disposizione dei visitatori i propri educatori sociali e ambientali, ma anche la propria storia «fatta di cuochi e camerieri improvvisati che saranno lieti di accogliere i visitatori e farli sentire, almeno per qualche ora, compagni di viaggio e sostenitori della loro utopia».

Il ricavato delle varie attività del’ostello sarà interamente devoluto per il sostegno delle varie attività dell’associazione.

«Abbiamo sperimentato – conclude Tealdo – che, nonostante l’infinita dose di pessimismo e depressione sociale che tende ad annichilire ogni tentativo di miglioramento, il cambiamento è davvero possibile. In fondo, il processo di vera integrazione è la coscienza di una società che si pone in cammino verso tale obbiettivo e tara le proprie scelte economiche, politiche, sociali sulla base di chi non riesce a tenere il passo, su chi è oppresso e potrebbe non farcela, su chi ha meno risorse e maggiori risposte da ottenere».

Nella giornata di inaugurazione, i volontari dell’associazione accoglieranno i visitatori con un rinfresco, spiegando loro le finalità del progetto e le condizioni per trascorrere un periodo all’Ostello.

Per Info: 347.05.74.016 – 342.04.24.303 – 370.32.35.891.

Piccolo Tibet FB