La rubrica “Dillo a Vita Diocesana” sul giornale cartaceo e la voce “lettere” su questo sito da sempre sono spazio di dialogo tra lettori e redazione.

In questi anni abbiamo ricevuto centinaia di e-mail e anche lettere cartacee. Qualcuno è addirittura venuto di persona in redazione e ci ha dettato a voce il suo pensiero. Abbiamo pubblicato praticamente tutti i contributi. Anche quelli più critici nei confronti di alcuni articoli o della linea editoriale del giornale.

Quando i mittenti, specificando le loro generalità, ci hanno chiesto l’anonimato, lo abbiamo rispettato ponendo in calce alla lettera una sigla o la dicitura “lettera firmata”.

Non abbiamo mai preso in considerazione – e continueremo a non farlo – lettere anonime (per lo più deliranti), indirizzate ai giornalisti, alla redazione, al direttore, all’amministrazione, alla curia o al vescovo.

Chi ha il coraggio delle proprie idee non ha timore di sottoscriverle con nome e cognome.

Patrizio Righero

Direttore Vita Diocesana Pinerolese

lettera