22 dicembre 2015

Il M5S Valpellice ha diramato un comunicato indirizzato ai sindaci della valle in cui chiede di «emettere con urgenza un’ordinanza per vietare l’uso dei botti di capodanno».

«È purtroppo ancora molto diffusa – si legge nel comunicato – la consuetudine di festeggiare il nuovo anno con prodotti pirotecnici di ogni genere che, oltre a provocare una serie di conseguenze per la quiete pubblica, la sicurezza e l’incolumità delle persone, spesso sono causa di atti vandalici».

«Inoltre l’uso degli stessi “botti” terrorizzano gli animali domestici, i quali, dotati di un apparato uditivo molto più sensibile di quello umano e spaventati dai forti rumori, sono indotti a reazioni istintive incontrollate, come gettarsi nel vuoto dai terrazzi, strozzarsi nel tentativo di divincolarsi dalla catena, scavalcare recinzioni e fuggire in strada mettendo in serio pericolo la propria incolumità e quella degli altri».

«Lanciamo quindi un appello a tutti i Comuni della Val Pellice richiedendo un gesto di civiltà. Molti Comuni d’Italia, da nord a sud lo hanno già fatto, emettendo apposite ordinanze per vietare l’uso di petardi, botti, fuochi d’artificio e articoli pirotecnici in genere, specie durante la sera di Capodanno».

«Chiediamo pertanto ai Sindaci della Valle di provvedere con urgenza, sulla falsariga di quanto già predisposto dai loro colleghi, a garantire sia la tutela del supremo bene della salute sancito dall’art.b32 della Costituzione della Repubblica Italiana, sia il benessere dei nostri amici animali, domestici o selvatici, che il 31 dicembre hanno ben poco da festeggiare!»

«In questo caso l’emanazione di un’ordinanza è un atto di responsabilità per tutelare l’incolumità pubblica, di sensibilità verso gli animali, domestici e non, e garantisce di preservare tutto il territorio da spiacevoli conseguenze».

No-botti-capodanno-2016-M5S